Banner
Banner
21
Mag

QUI MILANO A portata di mano

on 21 maggio 2008. Pubblicato in Numero 62 del 22/05/2008

    QUI MILANO


maggiolino_62hp.jpgAl Maggiolino vietato mangiare con forchetta e coltello. Carne, salumi e dolci si accompagnano alla bocca solo con le dita

A portata di mano

Al bando il galateo: qui si mangia alla sbrichenfù. Spiedini, salsicce, crostini di maiale, galletto, salumi, bruschette e perfino il dolce mangiati abbandonando forchetta e coltello, assaporando con le mani il gusto più profondo del cibo fra lanci “acrobatici” di noccioline tra i vari tavoli con l’obbligo di buttare le bucce per terra. Siamo al Maggiolino, locale di un appassionato di cose vecchie e usate che un giorno trovò un maggiolino tutto vecchio e rotto di colore rosso e disse: “Se un giorno farò un ristorante, lo chiamerò il maggiolino”. Il proprietario si chiama Emanuele Ragazzoni: e così il termine “finger food” londinese diventa al Maggiolino “sbrichenfù”, parola che, a suo dire, “significa tutto e niente” e che veniva utilizzata negli anni ’60 da lui e dai suoi amici per dire che si andava a mangiare e a bere qualcosa. “Il mangiare con le mani è sempre stato un mio piacere e sono sempre stato convinto che potesse piacere anche ai miei clienti”, spiega Ragazzoni. “Per questo ho fatto una sfida con i miei amici: far nascere a Milano un ristorante in cui fossero proibite le forchette, in modo che il cibo potesse essere gustato pienamente. All’inizio c’è stata una critica forte ma, mezzo mondo mangia con le mani e mezzo con le posate, e quindi: cosa ci poteva essere di così strano?”. E come le ruote di un maggiolino possono deteriorarsi strada facendo, così è successo al proprietario di questo locale che, credendo nonostante tutto e tutti alle sue idee, ha lasciato gli altri soci ancorati alla tradizione ed ha aperto le strade al futuro della ristorazione. Oltre allo storico locale di via Giambellino, a Milano è stato appena inaugurato il grande locale di viale Liguria, con 800 coperti e caratterizzato, come gli altri ambienti, da un colorato proprietario_maggiolino2.jpgarredamento vintage fatto con materiale di recupero: la sagoma di uno squalo attaccato alla parete frontale; un antico telefono a gettoni; una scritta, di mussoliniana memoria, “noi siamo gli ultimi di ieri ma i primi di domani“ quasi a simboleggiare il loro pionierismo; e ancora un vecchio frigo rosso immette all’interno del locale caratterizzato da sedie di forme e colori una diversa dall’altra, da tavoli di legno che si alternano a quelli in acciaio e plastica, da coloratissimi lampadari di fine serie di magazzini. E non sono mancate in quest’ultimo locale, per un proprietario che non si accontenta mai di fermarsi, delle novità: tre lunghi tavoli accolgono una numerosa compagnia e le cameriere servono le pietanze salendo sopra da un’apposita scaletta e bicchieri ironici di cristallo per brindare in allegria.
Le carni servite sono fresche e genuine, e provengono da una filiera selezionata che dal macello lavora il prodotto inserendo sia la data di macellazione che quella di trasformazione: maiale, galletto e quant’altro viene quindi cucinato in un’apposita griglia inventata da loro che cuoce sia a carbonella che a legna: lo stinco è fatto con una ricetta molto particolare cotto al forno e poi rosolato alla brace con spezie macinate fresche. Qui si mira molto al piatto unico: insieme alla carne vengono servite gustose patate olandesi fresche fritte in olio di arachidi, sempre pulito e non bruciato, e pannocchie che si sposano molto bene con la carne, le stesse che nel Nord America sostituiscono addirittura il pane. La birra italiana non pastorizzata viene servita in contenitori da 3,5 litri così la gente se la spilla da sola, insieme a vini di vario tipo che possono essere portati a casa dal cliente se non totalmente consumati durante la cena; e per finire liquori digestivi come il rosolio (ricetta di vecchia usanza non più sul mercato ma ripresa dal proprietario) e il limoncello siciliano e calabrese. “Non si paga il servizio e il coperto - spiega il signor Ragazzoni – e non esiste lo chef proprio per abbattere i costi: la nostra politica è mangiare bene con pochi soldi”. Economica anche la birra: 5 euro al litro il mercoledì, giorno della settimana “della birra” dove si recano intenditori e bevitori di birra alla spina, e 8 euro al litro gli altri giorni. Prezzo medio per persona 16-20euro. Il “maggiolino” è anche a Massa Carrara e a Marina di Ragusa.


Rita Vecchio

IL MAGGIOLINO
Viale Liguria, 47- 20143 Milano
Tel. 02.89423306
Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Website: www.ristoranteilmaggiolino.it
Orari: 19-1:00; chiuso il lunedì
Carte: tutte
Fermata metropolitana: MM linea verde Romolo
Consigliabile la prenotazione il sabato
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY