Banner
Banner
04
Set

on 04 Settembre 2010. Pubblicato in Numero 181 del 02/09/2010

L'ANALISI

Chi soffre e chi cresce secondo un’indagine di Confagricoltura. Ecco le risposte di alcuni produttori di vino da Mazzei a Majolini

Export avanti tutta

Il mercato italiano non dà segni di ripresa, ma l'estero si sta muovendo. E chi ha fatto dell'esportazione il punto di forza della sua attività tira un sospiro di sollievo. È quanto emerge da un'inchiesta di Confagricoltura presso i suoi produttori. «I prezzi del Chianti sono più bassi di quelli dell'anno scorso - dice Luca Giannozzi, produttore e vicepresidente della Federazione nazionale vitivinicola di Confagricoltura - ma i mercati sono in crescita». «Il mercato italiano è assolutamente piatto - conferma Filippo Mazzei (Fonterutoli) - ma all'estero c'è un risveglio generalizzato. Direi un +10%, con la Russia in testa e la Germania in netta ripresa». In Sicilia quest'anno si respira un'aria più serena. Come spiega Diego Planeta, presidente della Cantina Settesoli: «Certamente ci sta aiutando il -20% della produzione di vini bianchi. Ma i veri segnali di ottimismo arrivano dall'estero». Come dice anche Antonio Rallo (Donnafugata), che lamenta un crollo vertiginoso delle vendite nel mercato italiano della ristorazione e dei wine bar. «Tengono solo le enoteche e la GDO. Per fortuna c'è una buona ripresa dell'export». Sono invece momenti duri per i produttori piemontesi che hanno 220 mila ettolitri di vino in giacenza, soprattutto Barbera, Dolcetto e Brachetto. «Quest'anno la qualità è ottima, ma i prezzi, a causa delle giacenze sono a minimi storici - dice Andrea Faccio (Villa Giada), presidente della federazione regionale vitivinicola di Confagricoltura. Colpa di una politica che ha portato ad avere quantità eccessive di prodotto rispetto alla capacità di assorbimento del mercato». Situazione a macchia di leopardo in Veneto dove, secondo Fabio Poggi, presidente delle Federazione regionale vitivinicola, «tengono, e bene, le grandi denominazioni che hanno un mercato affermato all'estero, Prosecco in primis, ma anche l'Amarone e il Valpolicella, che hanno ancora abbondanti margini. Soffrono tutti gli altri, Soave in testa, che ha grandi difficoltà. Il cielo è rosa anche per le bollicine della Franciacorta». I prezzi tengono - dice Ezio Majolini - e i mercati, interno ed estero, rispondono bene.
 

Agata Polizzi

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY