Banner
Banner
15
Set

Se una cena in un ristorante può ancora emozionare: la nostra visita a El Molin

on 15 Settembre 2019. Pubblicato in Dove mangio

In questo articolo mi ero ripromesso di raccontare l'esperienza vissuta a El Molin a Cavalese in provincia di Trento con lo chef Alessandro Gilmozzi, ma poi mi sono detto “no, devo cercare di parlare di un concetto, penso sia più di impatto fare una riflessione”. E cercherò di parlare di “Esperienza”. 

La premessa è che mangiare in un ristorante stellato ha un costo proibitivo per molte persone e i conti che ci presentano sono spesso molto alti. Sono ristoranti che diventano quasi un’abitudine per noi addetti al settore, che diventano un’incredibile eccezione per gli appassionati e magari un’esperienza “una tantum” per tutte le altre persone. In Francia, anche le famiglie con un reddito più basso, mettono da parte qualche soldo ancora oggi per regalarsi una serata diversa, all’insegna del buon cibo. In Italia l’interesse cresce sempre di più, ma ancora tantissime persone non hanno mai provato l’ormai celebre stella michelin. Per esempio, mi ricordo molto bene le prime due o tre volte in cui mi regalai “un’esperienza” di questo genere, ogni piatto era stupore e assaporavo ogni portata con famelico interesse per tutto quello che quel piatto nascondeva. Adesso, invece, nella maggior parte dei ristoranti il piatto coincide con un’analisi tecnica, quasi scontata, di quello che ho davanti. Dove è finito quindi l’entusiasmo di un tempo?

Questa probabilmente, è una domanda che andrebbe fatta a molti chef proprietari dei ristoranti, che a mio parere vendono pura tecnica. Difficile fare altro quando si è proprietari di sette ristoranti diversi dislocati in diverse zone d’Europa. Sapete però qual è l’immediato risultato di tutto questo? Che non ci si emoziona più. Sono pochi i ristoranti che riescono a regalarmi un gemito di piacere, che riescono a farmi godere con un piatto o che riescono a farmi viaggiare con il cibo. Questa è una riflessione che ho elaborato dentro di me dopo l’esperienza fatta al Molin, dove la cena è stata un susseguirsi di sapori del territorio, estremizzati e lavorati per raccontare una storia, che si conclude con l’ultimo piatto assaggiato: un “misero” cucchiaino con l’ultima delle cinque lavorazioni dello chef sulla pigna. E’ proprio per questo che non scriverò della location del Molin di Cavalese, che non racconterò tra quanti menu potrete scegliere o quanto prima dovete prenotare. In questo articolo vi invito solamente a riflettere. In quanti grandi ristoranti vi emozionate?


(Risotto con cenere di pigna)

Personalmente mi sono emozionato con il “Risotto alla cenere fermentata di pigna”, che ci rievoca il profumo della brace delle grigliate.


(Border line)

Mi sono emozionato con “Border-line”, un piatto della memoria legato ai ricordi dello chef, un piatto tra il dolce e il salato con sorbetto di larice, gel di topinambur, miele di melo, polvere di mais, licheni seccati e resina.


(Icy corteccia)

Mi sono emozionato con “Icy corteccia”, un gelato al polline che ti fa sentire all’interno di un bosco; insomma, questi sono i gusti che volevo quando cercavo un ristorante a Cavalese, in Trentino Alto Adige. Quello che emerge dal lavoro dello chef, è l’amore per il territorio, quello che forse manca nelle grandi città, quello che per me vuol dire anche amore per la cucina, per il gusto. Questo, per me, è quello che vale il costo del biglietto in un ristorante stellato. Quindi complimenti ad Alessandro Gilmozzi e complimenti a tutti quegli chef che ancora oggi, valorizzano il territorio e i suoi prodotti. Questo secondo me, è il futuro della cucina.

Gianluca Rossetti

El Molin
piazza Cesare Battiti, 11 - Cavalese (Tn)
T. 0462 340074
www.alessandrogilmozzi.com
Chiuso: martedì
Ferie: variabili, ma in inverno
Carte di credito: tutte
Parcheggio: no

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY