Banner
Banner
20
Set

La data di scadenza dei cibi? Ora l'etichetta ci dice se gli alimenti sono ancora commestibili

on 20 Settembre 2017. Pubblicato in Scenari

di Maria Giulia Franco

La data di scadenza dei cibi? Potrebbe essere soltanto un retaggio del passato. E' in dirittura d'arrico un'etichetta che cambia colore quando gli alimenti non sono più commestibili. 

E' una ricerca portata avanti dai ricercatori della Clarkson University a Potsdam (New York), che grazie alle nanostrutture, stanno mettendo a punto un sistema innovativo per informare in tempo reale il consumatore. La ricerca, iniziata 10 anni fa testando la presenza di antiossidanti nel tè e nel vino, si basa su un sensore a basso costo portatile, su carta, in grado di individuare deterioramento e contaminazione nei prodotti alimentari ma anche nei cosmetici, visto che anche creme e lozioni hanno una scadenza e vanno a male. L'intelligenza' di queste etichette si manifesta cambiando colore quando il prodotto resta fuori dal frigorifero più del consentito o se l'alimento è scaduto e contaminato da batteri o inquinanti. Una rivoluzione per l'intera filiera dove il consumatore, in base al colore dell'etichetta, sarà in grado di sapere se il prodotto ha subito contaminazioni, compromettendone la qualità e quindi sia da buttare. Nel laboratorio della capo progetto Silvana Andreescu, è stata creata una piattaforma di rilevamento che incorpora tutti i reagenti necessari per la rilevazione in un pezzo di carta. La differenza dagli altri sensori, spiegano i ricercatori, sono le nanostrutture utilizzate per catturare i vari composti pre-determinati, vere 'sentinelle' del cambiamento. Le particelle stabili e inorganiche quando interagiscono con le sostanze che si vogliono rilevare, cambiano colore e, a seconda dell'intensità si sa il grado di deterioramento. L'obiettivo ora è di estendere la gamma di applicazioni, includendo anche pesticidi e marcatori a garanzia della freschezza dell'alimento. Un prototipo del sensore oggi è in grado di individuare l'Ocratossina A, una micotossina presente in prodotti come i cereali e il caffè e presto potrebbe essere ampliato per cercare salmonella e Escherichia Coli, nemici insidiosi spesso invisibili temuti dai consumatori. 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY