Banner
Banner
17
Set

E' tempo di funghi ma attenzione. L'appello del micologo

on 17 Settembre 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'appello

"Non raccogliete funghi nei boschi che sono stati incendiati".

 È l’appello lanciato da Giuseppe Venturella, micologo del dipartimento di botanica dell’università di Palermo. Le prime piogge del mese di settembre hanno dato il via alla stagione dei funghi. Ma quest’anno la nostra regione è stata colpita da un numero incredibile di incendi. A farne le spese le aree boschive. Un danno che si ripercuoterà anche nella produzione di funghi, soprattutto per quelli simbionti, cioè che vivono in simbiosi con la pianta come i porcini o gli ovulo Buono (Amanita Caesarea). I boschi bruciano. Le piante muoiono. I funghi non riescono a crescere. "I funghi sono importantissimi nel delicato equilibrio di un bosco – spiega Venturella – ecco perché andrebbe fatta applicare una legge quadro del 1996 che consente, tra le altre cose, di sospendere la raccolta dei funghi nelle aree incendiate". Nella nostra regione si trovano oltre 1.500 specie di funghi. Di queste solo 50 sono commestibili. Per diventare raccoglitore di funghi è necessario essere muniti di una “patente” che si ottiene frequentando un corso da 15 ore, "spesso non sufficiente a dare tutte le informazioni soprattutto ai neofiti", spiega Venturella. Il consiglio è sempre lo stesso: nel dubbio non raccogliete il fungo. "E lasciatelo dove si trova", dice Venturella. Il fungo, infatti, ha funzioni importantissime e fondamentali per la sopravvivenza di un bosco.


Giuseppe Venturella

Ci sono tre diverse categorie di funghi che si possono trovare nei boschi. Ognuna con delle caratteristiche ben precise. La prima categoria è quella dei funghi parassiti o patogeni: "In pratica attaccano la pianta e la portano fino alla morte. Un albero, per esempio, poi marcisce e cade, ma diventa nutrimento per il terreno sottostante". La seconda categoria è quella dei saprofiti. Sono dei veri e propri spazzini, visto che riciclano le sostanze organiche che si trovano sul terreno. Infine i funghi simbionti. Il porcino per esempio. "Vivono in unione, in simbiosi con la pianta che li ospita attraverso le radici – spiega Venturella -. Il fungo dona alla pianta gli ormoni, i sali minerali e le vitamine, mentre la pianta dona al fungo gli amidi, visto che il fungo non fa la fotosintesi clorofilliana". In Sicilia le zone maggiormente ricche di funghi sono il bosco della Ficuzza, le Madonie, i Nebrodi e l’Etna. Anche a tavola rischiamo di avere meno funghi dello scorso anno. "Nelle aree incendiate ci sarà una piccola produzione e probabilmente i raccoglitori penseranno a tenerli per sé piuttosto che venderli", spiega Venturella. Ma per salvare un bosco val bene rinunciare ad un piatto di tagliatelle ai porcini.

Giorgio Vaiana 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY