Banner
Banner
16
Nov

Una nuova export manager da Planeta

on 16 November 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Vivere di vino

Un’enologa mancata la nuova export manager di Planeta. Giulia Bettagno (nella foto) ha, da poco più di un mese, preso l’incarico di seguire le etichette Planeta nell’area baltica, nell’Est Europa, Scandinavia e parte della Germania.

Nonostante la giovane età, solo 29 anni, la manager veronese vanta tre anni di assistenza al reparto commerciale per la Germania maturati presso la Zonin. Come tutti i figli d’arte, la Bettagno era predestinata a questo mondo, con un nonno che commerciava vino e un papà enologo.

Quella in Sicilia è la sua prima esperienza personale, anche se con l’Isola ha un legame speciale che coltiva sin dalla sua tenera età. Ecco come si racconta la manager.

Da poco arrivata in Sicilia, come mai questa scelta?
Avevo voglia di fare una nuova esperienza, di rimettermi in gioco. Alla Zonin ho trascorso tre anni importanti, umanamente e professionalmente parlando, poi ho deciso di intraprendere questa esperienza. Il cambiamento, a volte, può essere positivo. La Sicilia è una terra affascinante a cui in un certo senso da sempre sono stata legata. Papà ha lavorato come consulente del vino negli anni 70 in Sicilia, da piccolina attendevo sempre il suo ritorno da questa terra. Venire in Sicilia mi ha ripotato a quando ero bambina, quando aspettavo il suo rientro dall’Isola.

In un certo senso suo padre le ha passato il testimone.
Si, in un certo senso. Ma da lui ho anche ereditato la conoscenza del vino e la sensibilità sensoriale per valutarlo. Sono infatti un’enologa mancata, chissà che in futuro non lo diventi.

Quando ha cominciato a manifestare la passione per il vino?
Sin dai primi anni, mi è venuta in modo naturale. Il primo Vinitaly l’ho fatto a due anni, accompagnavo papà. E già a quell’età impazzivo per il Recioto. Mi raccontano che a tavola rubavo i bicchieri altrui, con la disperazione della mamma. Era dolce, mi piacevano i suoi profumi.

Il vino del cuore?
Il Riesling su tutti. Durante gli anni trascorsi in Germania ho avuto modo di assaggiare tantissime etichette, di conoscere produttori, territori. Amo berlo. Anche al calice da solo. Poi lo abbino a piatti di pesce, soprattutto ai crostacei. Ce ne sono tanti che mi piacciono. Per esempio il Joh Jos Wehlener Sonnenuhr Riesling Spätlese 2007. Nel cuore porto poi i vini della mia terra, come l’Amarone.

Tra i vini che la appassionano trovano posto quelli siciliani?
Mi piacciono il Cerasuolo di Vittoria e il Dorilli di Planeta ma in generale tutti i Cerasuoli che producete. Lo trovo un vino fresco, questo blend con frutto spiccato mi piace moltissimo. Adoro lo Chardonnay siciliano, quello di Planeta. Sono interessanti le molte varietà di Nero d’Avola che avete.

Trova la Sicilia forte all’estero dal punto di vista commerciale?
La Sicilia è un territorio ricchissimo, dal punto di vista delle tradizioni culinarie. Il vino tecnicamente c’è se lo compariamo a quello che veniva fatto 20 anni fa.  Adesso  ha la sua personalità, ci sono tanti professionisti che fanno vini eccezionali che hanno il loro peso. All’estero andiamo a vendere del vino ottimo. Quando si ha la qualità e l’azienda lavora bene si hanno risultati, nonostante il periodo che stiamo vivendo. La Sicilia non è seconda a nessuno.

Come rispondono i mercati che segue, sono sbocchi sicuri?
In questo momento stiamo crescendo più velocemente in Brasile, India, Cina  e Russia. Nei paesi di tradizione vinicola più consolidata, come la Germania, si cresce ma non a quella velocità. Sono ottimista sui dati che arrivano dal Nord Europa. Per esempio nell’Est Europa ci sono sbocchi interessanti, dove bisogna investire tempo e a mio avviso daranno risultati.

Quanto incide il brand e quanto il vino siciliano stesso all’estero?
Planeta è un brand fortissimo ovunque nel mondo, lavora all’estero da moltissimi anni. Parliamo nel mio caso di mercati dove la cultura di vino è meno matura, qui ancora di più il brand Planeta è determinante. La Sicilia comunque sta diventando più conosciuta più apprezzata, più visitata anche.

Secondo lei qual è il trend di consumo all'estero?
Le bollicine e gli spumanti in generale nel mondo hanno un trend sempre più importante. Ma all’interno della gamma Planeta è difficile però stabilire cosa piace di più. I gusti si spalmano su tutte le tipologie. Noto che la tendenza è quella di ricercare vino con meno legno. Penso poi, al riguardo, che alcune tipologie siciliane stanno in piedi da sole, non hanno proprio bisogno del legno.

Tags:
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY