Banner
Banner
Banner
11
Feb

Lungo invecchiamento, Cos rinuncia al tappo di sughero

on 11 Febbraio 2014. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Tendenze

Di sughero, a vite, a vetro, il tappo continua a delineare la differenza geografica e soprattutto culturale, tra il vecchio e il nuovo mondo del vino.

Spartiacque, questione tutta aperta almeno in questa parte del globo che vede ancora lontana la sentenza definitiva sulla tipologia di chiusura migliore in assoluto, sebbene tecnologia e ricerca galoppino e si diano da fare per dare una risposta. Insomma, un grande dilemma, per tutti, per produttori, enologi e critici. Per tanti, invece, che imbottigliano in zona, per esempio, Pacifico Meridionale, la scelta del tappo è più che facile, quella del vetro o della chiusura a vite semplicemente pragmatica, si basa su ciò che dimostra loro la nuda e cruda prova oggettiva sulla migliore tenuta nel tempo. Punto e basta, senza ansia e senza remore sull'appeal.

E proprio grazie all'evidenza due icone della biodinamica Made in Sicily hanno deciso di convertirsi. Giusto Occhipinti e Titta Cilia di Cos, cantina “cult” per i wine lover che vinifica in anfora nel cuore della Docg Cerasuolo di Vittoria, affideranno la memoria storica dell'azienda al vetro o al tappo a vite. Già da tempo i due soci valutavano i benefici di queste chiusure stimolati anche da degustazioni fatte in giro per i continenti tra cui una, rimasta come raccontano la più esemplare, che metteva a confronto vini neozelandesi di 15 anni chiusi con sughero e tappi a vite.

Si tratta di un piccolo passo ma significativo, in piena linea con il loro modus operandi che ha sempre contemplato le rivoluzioni, da quando, universitari cominciarono a mettersi in gioco con quei 3.60.40 ettari di vigna in località Bastonaca. Ancora però i due produttori stanno valutando a quale delle due soluzioni ipotecare il passato.“Era un’esigenza che sentivamo da tempo – dice Giusto Occhipinti -. Con il tappo di sughero si corrono grandi rischi, si può incappare in uno spreco incredibile. Rappresenta un reale problema se si vuole conservare il vino per lunghissimo tempo. Abbiamo constatato che i vini chiusi con tappo a vite o a vetro, che annulla la traspirazione, si mantengono in modo straordinario, perché allora rinunciare a una grande emozione? Apprezzo, per esempio, l’orientamento di Renato De Bartoli sul vetro. In effetti, questo materiale lo reputo ideale. Non dimentichiamo che i più grandi Chateau fanno invecchiare i loro vini con i tappi a vite”. Il sughero, i produttori, non lo abbandoneranno di sicuro per le bottiglie da mettere in commercio. “Sono figlio del mio tempo ed europeo – ammette Occhipinti -. Il tappo di sughero fa parte del fascino del vino. La magia si concentra sulla gestualità dello stappare. Il tappo stesso è la parte edonistica. Non userei mai una bottiglia con chiusura a vite per conquistare una donna. Le tre dita che ruotano farebbero effettivamente crollare tutto. Il sughero, poi, consente un’ottima conservazione per un certo numero di anni. Noi stessi siamo soddisfatti di quelli che usiamo, progettati dalla Diam e a tre traspirazioni”. Per quanto riguarda i vini destinati all’archivio, non saranno solo i tappi a cambiare. “Dovremo rinunciare alle nostre bordolesi– aggiunge -. Il tappo a vite e a vetro non alloggiano nelle nostre bottiglie. Stiamo valutando diversi modelli”.

Manuela Laiacona

Share

Commenti  

 
0 #1 Pasquale Lombardo 2014-02-12 01:35 Si tutto interessante e bello, ma dov'eri ?????? Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Filippo Fiorito

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY