Banner
Banner
19
Ott

Mani Pulite per un panino

on 19 Ottobre 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La provocazione

C’è un posto a Palermo, in pieno centro, dove fanno panini di tutti i tipi. Difficile che un palermitano non conosca questo posto. Difficile che non abbia mai preso un panino.

A pranzo, a cena, a tarda sera. Ma c’è un problema. Chi fa i panini dietro il bancone non mette i guanti, quelli sottilissimi e trasparenti, che garantiscono l’igiene. Per anni non ci ho fatto mai caso. Poi l’altra volta un’amica, un po’ maniaca della pulizia, me lo ha fatto notare. Il salmone che sarebbe servito per il mio panino è stato preso con pollice, indice e medio ed è finito tra due fette di pane. Senza scrupoli. Le mani erano pulite? Boh!

Il panino, confesso, l’ho mangiato. Ma la mia testa ha cominciato a rimuginare. Mani, mani pulite, guanti. Sarebbe stato meglio. Ci sono tornato l’altra volta. E ho rivisto la scena. Il mio dubbio è diventato un macigno. Anche perché a poca distanza da questo famoso locale, ce n’è un altro, aperto da non molto tempo, dove fanno panini anche buoni. E lì, incredibile, la persona che confeziona queste fette di pane con vari condimenti usa i guanti. Ne usa tantissimi perché intanto fa dell’altro dietro il bancone. Ma quando prende il pane, qualche istante prima prende un guanto, ci soffia dentro per aprirlo e lo indossa.

E così il pane e il condimento non hanno contatti diretti con le mani. Inutile dirlo, non voglio fare lo schizzinoso, né l’igienista da strapazzo. Però quel panino fatto con i guanti monouso mi ha rassicurato. Non voglio dire che il panino sia più buono. Però credo che l’igiene sia una cosa seria quando si parla di cibo e alimenti, di tutto ciò, insomma che ingeriamo. E non va trascurata, val bene il costo di guanti monouso.

Mi piacerebbe che anche questo famoso locale cominciasse a usare questa precauzione nel fare i panini. Sarebbe un bel gesto di attenzione verso i clienti. Ma non chiedetemi i nomi dei locali citati in questo articolo. Non ce n'è bisogno. Provate a farvi un giro.

F. C.

Share

Commenti  

 
0 #1 luciano 2011-10-19 19:15 dalle mie parti nord italia, nei pacifici nessuno usa i guanti, inoltre incassano pure i soldi. E l'igiene? Non esiste, e le autorità preposte…latitant i Citazione
 
 
0 #2 anna goffi 2011-10-20 02:27 Che assurdità confezionare i cibi con i guanti! Non siamo in una sala operatoria. Da che mondo è mondo si cucina con le mani nude. Si vede che la critica viene da una persona che non ha mai cucinato. Certo le mani devono essere pulite e il locale deve farsi carico dell'igiene dei suoi dipendenti. Però con un'idea maniacale dell'igiene finiremo con il mangiare cibi di plastica confezionati con guanti di plastica. Chi ha dubbi e perplessità smetta di frequentare bar, ristoranti e locali vari. Ma si confezioni a casa propria un panino utilizzando i guanti oppure facendone a meno. Citazione
 
 
0 #3 MAURIZIO 2011-10-20 17:19 e le pizze?? hai mai visto cosa fa un pizzaiolo in un momento di pausa e un'altra pizza? be pochi giorni fa in una pizzeria di provincia (in orario inoltrato … percarità) ma lui stava spingendo l'auto dell'amico che non partiva, dopo è tornato alla sua postazione e ha ripreso a far girare e saltare le sue pizze con l'entusiasmo dei clienti in attesa. AUGURIIIII! Citazione
 
 
0 #4 ANNA 2011-10-20 18:11 è vero, è uno schifo, ma non addossiamo le responsabilità agli altri…alle autorità, anche noi consumatori finali abbiamo le nostre responsabilità, contribuiamo a far si che questa cattiva educazione all'igiene persista nel momento in cui accettiamo il panino confezionato con mani sporche invece di rifiutarlo con un semplice "no, grazie, si lavi prima le mani" Citazione
 
 
0 #5 Kicco 2011-10-21 20:05 …ma è vero che qualche tempo fà i panellari per verificare se l'olio aveva raggiunta la giusta temperatura utilizzava un metodo poco igienico? Citazione
 
 
0 #6 Massimiliano Montes 2011-10-23 15:08 Cara Anna Goffi, non si tratta di "un'idea maniacale dell'igiene".
Sulla pelle delle mani crescono milioni di stafilococchi, per quanto tu le possa lavare. La tossina stafilococcica è termo-stabile (resiste alla cottura) ed al di sopra di certe concentrazioni da vomito e diarrea.
Usare i guanti è un obbligo perché la quantità di colonie stafilococciche nel cibo è stabilita dalla legge, per ovvii motivi di igiene pubblica.

Non lamentarti poi se ti vengono a controllare, fanno un prelievo, e ti chiudono il locale. E' giusto così
Citazione
 
 
0 #7 angelo 2011-10-25 11:43 Potrei sapere i posti in questione?vorrei provarli personalmente…grazie Citazione
 
 
0 #8 Mara 2011-10-26 14:26 Sono contrarissima al parere di Anna Goffi.Mi dispiace ma non sono d'accordo. Non si tratta di essere in una sala operatoria, tu a casa tua puoi fare quello che vuoi ma se il tuo lavoro è quello di cucinare per la gente allora è fondamentale l'igiene. Lo dico perchè a me è successo di stare male dopo essere stata una volta a fare il brunch. Non ti dico.. ho visto le stelle.. Poi chi ti assicura che la persona che sta porgendoti il cibo ha le mani pulite? Se poi parli di cibo di strada quello è un'altra cosa: lì tu sai a cosa vai incontro… Citazione
 
 
0 #9 angelo scuderi 2011-11-04 19:38 salve
Potrei sapere i posti in questione?vorrei provarli personalmente…g razie
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY