Banner
Banner
24
Lug

5o Top Pizza, vincono Francesco Martucci e Franco Pepe: trionfo della Campania

on 24 Luglio 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il premio


(La premiazione dei due primi posti)

di Fabiola Pulieri, Napoli

Città di Pulcinella, della smorfia e del Vesuvio, Napoli ieri sera è stata la città della pizza per eccellenza. 

Si è infatti tenuta, nello storico e gremito Teatro Mercadante in piazza Municipio, la premiazione delle migliori 50 pizzerie d’Italia e del mondo. Giunta alla sua terza edizione si è conclusa, anche per quest'anno, 50 Top Pizza la prima e più importante guida online di settore che giudica, in perfetto anonimato da parte degli ispettori, il progetto pizzerie nella sua totalità, quindi non solo la qualità della pizza e degli altri prodotti proposti, ma l’insieme dei servizi offerti al cliente, la sala, l’ambiente, la carta delle birre, dei vini, la carta degli oli.

Con la stessa attesa e la stessa sacralità che si riserva all'estrazione dei numeri per il Superenalotto, uno dietro l'altro sono saliti sul palco del Mercadante, pizzaioli di tutta Italia, nomi noti e meno noti, per ricevere l'importante riconoscimento di essere tra le 50 pizzerie più importanti d'Italia. Intervallati da video promozionali dedicati agli sponsor, tra applausi e premi associati alle pizzerie o ai pizzaioli, i due conduttori della serata Paolo Notari e Fatima Trotta, in un'ora e mezza sono arrivati velocissimi al podio che ha riservato una grande sopresa: il terzo posto a Ciro Salvo di 50 Kalò e due primi posti ex aequo per I Masanielli di Francesco Martucci (Caserta) e Pepe in Grani di Franco Pepe (Caiazzo).

Grandi applausi, grande festa ma non senza qualche borbottio di sottofondo perché due primi posti, per un titolo così ambito da un popolo così legato ad un alimento che da povero è diventato la ricchezza per tanti, ha lasciato forse un po' di amaro in bocca. Certo si sa quanto sia difficile e impopolare il meccanismo delle classifiche, ce lo ha insegnato The World's 50 Best Restaurant, che ha deciso di escludere i precedenti vincitori per creare l'attesa e la competizione senza che nulla sia più scontato. In questo caso l'abbraccio e la professionalità dei due numeri uno è stato la dimostrazione che insieme si porta avanti l'intera categoria, che il bene di uno diventa il bene di tanti e soprattutto che la cosa più importante è far conoscere al mondo intero la pizza napoletana, anche se in questo caso è "casertana".

Come più volte specificato e ribadito dagli ideatori, gli ispettori sono persone comuni, che valutano le pizzerie dopo esserci stati, da paganti, che prendono in considerazioni tutti gli aspetti, non solo quelli del sapore, che il gradimento è inteso in senso totale e che il tutto è fatto in modo assolutamente imparziale. Poi c'è il gusto personale, sindacabile, per il quale ognuno di noi ha una preferenza per questa o quella pizza, pizzaiolo o pizzeria ma in una competizione, con votazione, alla fine prevale la preferenza della maggioranza. Ieri sera grandissimo successo personale per Pier Daniele Seu di Seu Pizza Illuminati di Roma che quest'anno è salito all'ottavo posto dal 29esimo dello scorso anno, ma soprattutto ha portato a casa anche altri due importanti riconoscimenti: premio Olitalia pizzaiolo dell'anno e miglior pizza vegana. "Sono felicissimo e incredulo, il riconoscimento per la miglior pizza vegana è un merito di mia moglie Valeria che ha fortemente creduto nella realizzazione di una pizza che non fosse come al solito un ripiego, ma un vero e proprio progetto creato per chi mangia vegano, quindi costruito intorno alle verdure. All'estero se ne trovano di tanti tipi e noi abbiamo voluto dare la stessa opportunità ai nostri clienti. La "scalata" della classifica mi rende orgoglioso perché vuol dire che la percezione del lavoro che faccio è giusta e tutto l'impegno e il sacrificio sono apprezzati dai clienti, questo per noi è importante. Ma non posso nascondere che il premio che mi lascia veramente senza parole e mi riempie il cuore di gioia è quello ricevuto come pizzaiolo dell'anno che nelle precedenti edizioni era stato di Martucci e di Padoan e quindi per me è un riconoscimento davvero ambìto, sono il primo del centro Italia ad averlo ottenuto e ne sono fiero".

A salire sul palco anche i migliori pizzaioli del mondo e i protagonisti dei tanti premi speciali. I tre ideatori, Albert Sapere, Barbara Guerra e Luciano Pignataro, che fino alla proclamazione ufficiale hanno tenuto nascosti a tutti i nomi dei finalisti di 50 Top Pizza 2019 (persino al loro stesso ufficio stampa), hanno confermato che "al di là dei singoli premi, questa festa della pizza, riconosce e pone in evidenza il grande lavoro svolto da tutti gli addetti ai lavori. Un movimento, questo della pizza, che negli ultimi anni è riuscito a operare, compatto, in direzione di un miglioramento qualitativo che appare oggi lampante e che riguarda l’intero territorio nazionale e non solo, come testimoniato dagli enormi passi in avanti fatti dalle pizzerie di tutto il mondo”. 

Sono stati premiati infatti anche i migliori locali di Africa, Asia, Oceania, Sud America, Brasile e Giappone. Riconoscimenti anche all’insegna che propone la Migliore Pizza in Stile Napoletano nel Mondo (Italia esclusa) e alla pizzeria distintasi per la Valorizzazione del Made in Italy. Un focus su ciò che accade al di là dei nostri confini che quest’anno è stato ancor più attento grazie ai due spin off, con rispettivi ranking, riguardanti i continenti Europa e Nord America. Alla premiazione del Mercadante è seguita una festa che si è tenuta al Roof Garden Terrazza Angiò del Renaissance Naples Hotel Mediterraneo con tutti i partner dell'evento, musica dal vivo e tanti ospiti. E da oggi il trio Guerra, Pignataro, Sapere è di nuovo al lavoro per 50 Top Pizza Giappone quindi aspettiamo le novità per il 2020.
 

50 Top Pizza 2019

1° i masanielli francesco martucci – caserta – campania

1° pepe in grani – caiazzo – campania

3° 50 kalò – napoli – campania

4° gino sorbillo ai tribunali – napoli – campania

5° i tigli – san bonifacio (vr) – veneto

6° francesco&salvatore salvo chiaia – napoli – campania

7° la notizia 94 – napoli – campania

8° seu pizza illuminati – roma – lazio

9° casa vitiello – tuoro (ce) – campania

10° la gatta mangiona – roma – lazio

11° la notizia 53 – napoli – campania

12° renato bosco pizzeria – san martino buon albergo (vr) – veneto

13° pizzeria starita a materdei – napoli – campania

14° berberè – bologna – emilia-romagna

15° da zero – milano – lombardia

16° francesco & salvatore salvo – san giorgio a cremano (na) – campania

17° cocciuto – milano – lombardia

18° la masardona – napoli – campania

19° terra, grani, esplorazioni – san mauro torinese (to) – piemonte

20° pignalosa pizzeria – salerno – campania

21° 10 diego vitagliano pizzeria – napoli (na) – campania

22° pizzeria apogeo – pietrasanta (lu) – toscana

23° ‘o scugnizzo – arezzo – toscana

24° in fucina – roma – lazio

25° pizzeria da attilio – napoli – campania

26° ‘o fiore mio – faenza (ra) – emilia-romagna

27° carlo sammarco pizzeria 2.0 – frattamaggiore na – campania

28° tonda – roma – lazio

29° pizzeria da lioniello – succivo ce – campania

30° pizzeria da ezio – alano di piave, bl – veneto

31° piccola piedigrotta – reggio emilia – emilia-romagna

32° dry milano – milano – lombardia

33° i masanielli sasà martucci – caserta – campania

34° grigoris – venezia – veneto

35° officine del cibo – sarzana (sp) – liguria

36° fandango racconti di grani – scalera (pz) – basilicata

37° enosteria lipen – triuggio, mb – lombardia

38° giangi pizzeria gourmet – arielli ch – abruzzo

39° frumento – acireale (ct) – sicilia

40° framento – cagliari – sardegna

41° la braciera – palermo – sicilia

42° marghe – milano – lombardia

43° l’osteria di birra del borgo – roma – lazio

44° osteria pizzeria per bacco – la morra (cn) – piemonte

45° 400 gradi – lecce – puglia

46° pupillo pura pizza – priverno – priverno lt – lazio

47° lievito madre al duomo – milano – lombardia

48° isabella de cham pizza fritta – napoli – campania

49° pizzeria mamma rosa – aso, ortezzano, fm – marche

50° sbanco – roma – lazio

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY