Banner
Banner
23
Feb

Una chiacchierata con Angiolino Maule tra assaggi di vini con e senza solforosa

on 23 Febbraio 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'incontro

di Massimiliano Montes 

Angiolino (nella foto) è una persona di temperamento. Il carattere deciso ed il suo viso tradiscono una vita costruita col sudore e la fatica.

Roma, 18 febbraio 2012. Alle 14.30 è previsto un incontro con Angiolino Maule riservato a pochi eletti sul tema della solforosa e del territorio. Con Angiolino ci incontriamo prima, la sala è ancora vuota, e ne approfittiamo per una chiacchierata.

“Il vino l’ho sempre amato”, afferma. “Sin da piccolo avevo l’idea di produrlo, ed allora ho aperto una pizzeria per poter accantonare un capitale con cui iniziare l’attività”.

“Ma dai”, lo incalzo, “Angiolino pizzaiolo!”.

“Si!”, sorride, “e la pizzeria andava benissimo, abbiamo guadagnato un sacco di soldi. Solo che invece di comprarmi il macchinone ho acquistato i terreni della mia azienda agricola”.  

“Ed i vini naturali? Come ci sei arrivato?”.

“Beh, mio padre era un alcolista e questo ha segnato profondamente la mia vita. Dopo avere comprato i miei primi terreni, nel 1988, ho attraversato un periodo di profonda crisi. Crisi emotiva ed esistenziale. Un uomo mi ha preso per mano e mi ha fatto rivedere la luce: Josko Gravner. Devo molto a lui, è stato una guida sia dal punto di vista umano che professionale. Mi ha fatto capire l’importanza di conservare nel vino tutto ciò che la natura mette nell’uva, aromi e profumi. E mi ha insegnato tecnicamente come fare a coltivare un terreno senza violentarlo, ed a vinificare in cantina rispettando le uve ed il mosto”.

“Però, però… ti faccio una domanda. O meglio ti cito tre produttori: Gianfranco Soldera, Bruno Giacosa, Giacomo Conterno. Nessuno di loro si dichiara apertamente produttore naturale, ma i loro vini sono eccellenti. E’ possibile fare un vino di territorio con metodi non naturali?”

“Conosco personalmente sia Soldera che Giacomo Conterno, e ti posso assicurare che fermentano solo con lieviti naturali, rispettano le uve in cantina, e attuano una politica di non intervento in vigna”.

“Praticamente sono dei naturali non ufficialmente dichiarati?”

“Si”.

“Un’ultima domanda, su una questione ormai annosa. Perché non riunificare le due principali associazioni di vini naturali in Italia, Vinnatur, la tua, e Vini Veri? Qual è il problema?”

“Bea” (presidente del Consorzio Vini Veri).

Comincia la degustazione e ci vengono serviti due vini, due versioni di Sassaia 2007 (Garganega 85%, Trebbiano 15%) ottenute dalle stesse uve, con identici metodi di vinificazione. Una ha un residuo di 18 mg/l di solforosa totale, l’altra non ha solforosa aggiunta. Ci vengono serviti alla cieca, noi non sappiamo cosa c’è nei nostri calici. Eppure all’unanimità decidiamo che il vino nel calice a sinistra ha un profilo aromatico più ampio, intenso, profondo. Quello nel calice a destra è più chiuso, più sottile. Scopriamo poi che il primo era quello senza solforosa.

Altra prova alla cieca, ci vengono serviti due calici di Pico 2009, una splendida Garganega in purezza, provenienti da due differenti vigneti: Taibane e Faldeo. Anche in questo caso l’unanimità della platea percepisce sensibili differenze tra i due, nonostante siano entrambi grandi vini.

Al termine della degustazione la gente è entusiasta. Segue Angiolino che si incammina verso i banchi aperti al pubblico, dove lo aspetta il figlio Alessandro, e dove lui continua ad esternare tutta la sua passione. Vulcanico, come il territorio dove vive e lavora.
 
La Biancara di Angiolino Maule
Via Biancara 14
36053 - Gambellara (VI)
Tel. / fax. +39 0444 444 244
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.biancaravini.it

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY