Banner
Banner
18
Apr

Cinesi in Sicilia: voglia di vino buono e poco costoso

on 18 Aprile 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'incontro


Da sinistra Dianxin Men e Sen Liu al mercato del Capo a Palermo

Conoscono l’Italia del vino e vogliono fare affari. Ma guardano con attenzione alla Sicilia e al Sud Italia perché qui il vino è buono e viene venduto a un prezzo concorrenziale rispetto ad altre aree d’Italia e del mondo. Ma i siciliani lo sanno? La domanda è di Sen Liu, grande importatore di vini italiani a Pechino che si appresta ad aprire qualcosa come cento enoteche sparse per tutto il territorio cinese. E la sua non è una domanda banale. E’ la consapevolezza di stare in un territorio, quello siciliano, dalle grandissime potenzialità. Se ne sono accorti Giacomo d’Alessandro, titolare di un’azienda a pochi passi dalla Valle dei Templi di Agrigento e Daniele Lizza che per questa cantina segue le sorti commerciali e quelle del marketing. Lizza ha portato in giro per la Sicilia con annessa e obbligatoria visita in azienda sia Sen Liu che il suo collaboratore Dianxin Men. I quali sono rimasti letteralmente folgorati dai Templi greci, dalla luce e poi da un giro al mercato del Capo di Palermo dove sono esplosi di felicità per i pomodori secchi. Liu ripeteva senza sosta “good” “good”. Poi parlando di vino hanno chiarito il loro interesse. “La Sicilia ci piace moltissimo perché riesce a coniugare meglio la qualità con il prezzo. E d’Alessandro per noi è ok. Sì, in Cina ci sono i vini francesi ma sono troppo cari per il ceto medio”. Liu conferma che i cinesi ricchi guidano tedesco, vestono italiano e bevono francese ma è convinto che l’Italia del vino può dire molto di più. Con loro si commenta anche la classifica di un noto giornale Usa che ha collocato Hu Jintao, presidente della Cina, come l’uomo più potente del mondo relegando Obama al secondo posto. Liu sorride e commenta: “Credo sia vero perché Obama crede di essere il più potente ma Jintao oggi lo è di più”. Lizza parla di accordi commerciali importanti a un passo dalla firma e ribadisce la politica dell’azienda d’Alessandro. “Siamo sempre più interessati ad organizzare per i nostri importatori questi tour emozionali in Sicilia dove c’è il vino e anche dell’altro in modo da trasmettere con le nostre etichette, sensazioni, territorialità, storia e tradizioni”. Per loro adesso la Cina è più vicina.

F. C.

Tags:
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY