Banner
Banner
19
Set

L'appello dell'imprenditore Borgia (Bioesserì): "A Milano non trovo pizzaioli"

on 19 Settembre 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

L'appello dell'imprenditore a pochi giorni dall'apertura del nuovo punto di vendita milanese: "Non trovo gente disposta ad abbracciare il nostro progetto. Sono disposto ad assumere a tempo indeterminato"


(Vittorio Borgia)

di Francesca Landolina

Più facile trovare un ago dentro un pagliaio o un pizzaiolo a Milano? Sembrerebbe assurdo ma è più facile la prima delle due ricerche. 

A lanciare l’Sos è Vittorio Borgia, fondatore del brand Biosserì, che proprio da giorni ha fatto il bis a Milano aprendo un secondo locale in via Vespucci (il primo è in via Brera, oltre a quello palermitano, leggi questo articolo). “Non riusciamo a trovare pizzaioli a Milano – afferma l’imprenditore - Ed è assurdo, la città è la capitale indiscussa del food in questo momento, con continue aperture di locali, offre posti di lavoro in tutte le aree di attività che ruotano intorno al mondo della gastronomia. E la pizza è top of mind per i consumatori, è un simbolo del nostro paese sul quale si continua a innovare, a produrre contenuti, nuove sfide; lo trovo paradossale, ma facciamo fatica, ed è quasi impossibile trovare risorse che abbiano voglia di impegnarsi in un progetto a lungo termine, giovani pizzaioli che desiderino partecipare all’avventura di Bioesserì, che ha enormi potenzialità di sviluppo a livello nazionale e internazionale”. Tanta, forse troppa domanda e pochissima offerta insomma. Ma quali possono essere le cause? “C’è una discrepanza enorme tra domanda e offerta. Qui le pizzerie crescono come funghi. E il problema sta a monte. Nel corso del tempo, le scuole si indirizzano più a formare chef e pasticceri, dimenticando i pizzaioli. Per noi le difficoltà crescono”.

Che sia un problema di compenso? “Affatto – continua Borgia -. Noi assumiamo le nostre risorse a tempo indeterminato: un pizzaiolo guadagna tra i 1.700 e i 1.800 euro (netti) al mese, più bonus incentivi. Al momento abbiamo bisogno di alcune figure: un capo pizzaiolo, un assistente, anche con pochi anni di esperienza, e qualche giovane che voglia fare stage formativi. Il compenso per un capo pizzaiolo non è quindi poco. Ma nonostante questo non se ne viene a capo. Al momento cercheremo di sopperire con le risorse del nostro organico. Spero che arrivino delle candidature; a noi interessano esperienza, voglia di lavorare e professionalità”. Forse il mestiere del pizzaiolo non ha un grande appeal tra i giovani? “Proprio questo è il punto – spiega -  Non c’è la cultura. Oggi è più figo fare lo chef. Sembra che la giacca da chef dia più visibilità, ma in questo momento la visibilità dei pizzaioli è crescente in maniera esponenziale, soprattutto se si lavora per un prodotto ricercato e di qualità, che non ha nulla da invidiare ad un piatto d’alta cucina. Noi per esempio, facciamo pizze di grande qualità, con lunghe lavorazioni; la nostra è una pizza che si ispira a quella napoletana, ma ricercata negli impasti e nelle materie prime. Fino a quando qualcuno non si sveglierà e non si metterà in testa che bisogna fare una vera scuola dedicata al mondo dei lievitati, la questione non sarà risolta. Oppure dobbiamo aspettare un programma in tv, un Master Chef dedicato alla pizza, con una figura di spicco: forse serve questo a far sì che inizi il luccichio negli occhi di molti ragazzi? Speriamo invece che crescano in fretta la cultura per i lievitati e la consapevolezza che in questo settore il lavoro c’è. Invito quindi pizzaioli interessati ad aderire al nostro progetto a scrivere una mail all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per presentare la propria candidatura, abbiamo bisogno di voi”.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY