Banner
Banner
15
Set

Luciano Ferraro (Corsera): “Togliere il nome Prosecco? Una martellata alla Tafazzi”

on 15 Settembre 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

Una polemica che arriva intempestiva e che ricorda un po’ le martellate “alla Tafazzi”. ‍

Ecco come Luciano Ferraro, giornalista del Corriere della Sera ed esperto di vini, definisce la querelle di fine estate sulla opportunità o meno di lasciare anche “Prosecco” nelle bottiglie della Doc di Valdobbiadene - Conegliano. Lo stesso Ferraro ha raccontato la vicenda sul proprio giornale nei giorni scorsi. “Nel momento in cui c’è una crisi per quel che riguarda l’export e si avvertono segnali negativi dal mercato tedesco e possibili conseguenze dalla Brexit ed anche il mercato Usa non riesce più a dare risposte come qualche anno fa, proprio non serviva questa offensiva che non fa altro che sminuire l’importanza del nome Prosecco”. 

Certo, aggiunge il responsabile del blog DiVini del Corriere della Sera “esiste una volontà di distinguere il Prosecco di pianura che forse ha commesso un eccesso di facilità, con quello di Conegliano e di Asolo che ha puntato sulla qualità. Ma questa differenza non si fa omettendo il nome. Come se per il Chianti Classico si omettesse il nome Chianti che ha un grandissimo richiamo”. Un nome, Prosecco, dato alla fine degli anni Duemila proprio “per evitare le contraffazioni e stabilendo come sia impossibile produrre quel vino se non in quelle nove province indicate. Arriva proprio in questo momento questa polemica di un piccolo gruppo di produttori a cui non piace usare il none Prosecco. Mi pare una cosa al limite dell’autolesionismo e alla Tafazzi”. Insomma, quello che serve al Prosecco per Ferraro è una migliore capacità di comunicare e la capacità di puntare sulla qualita “non solo un vino fresco da bere in primavera, ma la possibilità di un prodotto più longevo”. Nella zona la cantina Ruggeri ha iniziato a produrre un vino con queste caratteristiche, ad esempio. 

Il nome nasce proprio per evitare le contraffazione con le norme del 2009: è impossibile produrre Prosecco se non nelle nove provincie dove è previsto dal disciplinare. Proprio in questo momento un piccolo gruppo di produttori vorrebbe non usare il nome Prosecco. “Qualsiasi bollicina servita in molti bar del mondo viene chiamata così: questo è Prosecco, anche se non è quel vino. Questa è la banalizzazione del nome, ma questo problema si sconfigge puntando sulla qualità e non sulla quantità”.

A.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY