Banner
Banner
22
Set

Una pizza 15 euro: troppo poco o troppo?

on 22 Settembre 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

Esterno sera. Tovaglie bianche e un po' di piacevole brezza di fine estate. Ambiente accogliente. Servizio nella norma, senza infamia e senza lode. Una coppia di amici a cena. In pizzeria. Il menu è ricco. Pizze con farine diverse. E articolata descrizione. 

Lievitazioni lunghe. Tutte figlie di lieviti madri. Di impasti senza genitori non ce n'è più traccia. Condimenti più disparati. Qualcuno azzecato, qualcuno meno. Buone birre. Tutto bene. O quasi. Poi arriva il conto. Che supera i 50 euro. Nessuna meraviglia, tutto calcolato. A far salire il conto soprattutto le pizze. Una era segnata a 13 euro. E' bastata un'aggiunzione e il prezzo è salito anche se era stato tolto un ingrediente. Attenti: non c'erano tartufi bianchi o caviale. Ma condimenti, diciamo, comuni. Sì, lo so. È un caso estremo. Si mangiano pizze buone a prezzi decisamente più bassi. Ma due pizze trenta euro vi sembrano un prezzo accettabile?

Non è la prima di queste segnalazioni che ci arrivano dalle parti più disparate d'Italia. Ed evitiamo di fare accostamenti e paragoni ai tempi della lira. Trenta euro sono quasi sessantamila lire. Li avreste spesi mai per due pizze nel 2001, 13 anni fa e una crisi in mezzo che ha falcidiato i consumi? Paragoni a parte c'è - ed è questo che ci preoccupa - una tendenza a dare valore aggiunto a tutti i prodotti di largo consumo. Basta scrivere robe tipo chilometro zero o peggio, lievitazioni naturali, e tutto diventa prezioso.

Non vorremmo, insomma, che le lunghe lievitazioni, o ricorsi a farine di qualità o ad ingrdeienti un pizzico sopra la media, diventassero un escamotage per alzare i prezzi delle pizze in modo incontrollato. Perchè poi le spirali dei prezzi sono sempre eguali e fanno male sia al rialzo che al ribasso, nel medio periodo. Ne sanno qualcosa quei bravi produttori di Nero d'Avola che nel momento del boom di questo rosso hanno poi assistito a una discesa dei prezzi senza fine che ha spinto tutti verso il basso danneggiando l'immagine del vino stesso.

E a farne le spese sono stati soprattutto i più bravi. Questo problema esiste anche al rialzo. La corsa può essere pericolosa e senza fine. E non basta una lunga lievitazione e una farina di qualità a giustificare rincari del 30 per cento e anche più rispetto al prezzo medio di una pizza quando non erano di moda lievitazioni e farine ricercate. Il ricorso a materie prime migliori incide, è vero. Ma non così tanto. Ed allora forse sarebbe meglio prezzi congrui e più racconto. 

F. C.

Share

Commenti  

 
-2 #1 Danilo Conti 2015-09-23 08:22 Comprendo solo parzialmente la riflessione visto che i prezzi sono obbligatoriamen te sui menù e non ci si può sorprendere all'arrivo del conto se tutto é scritto. Basta non andare più in quella pizzeria e la selezione naturale é già in corso. Per il resto é solo matematica. Citazione
 
 
0 #2 Franco Saccà 2015-09-23 12:46 Troppo semplicistico l'articolo, dobbiamo valutare i costi come si deve se parliamo di pizze fatta con prodotti industriali e mi ritrovo nel conto fatto sopra, anche se mancano i costi di forno -gestione-personale-mano d'opera, ma se si usano farine integre e materie prime di eccellenza i costi sono diversi
Quindi valutiamo bene invece di innescare inutili discussioni
Citazione
 
 
+2 #3 Fabrizio Carrera 2015-09-23 13:55 Rispondo a Danilo e Franco con gran piacere. La coppia di amici era consapevole di pagare 15 euro a pizza. Nessun inganno. Il mio articolo vuole sollevare un altro problema. L'uso, secondo me, esagerato di definizioni come lievitazione naturale, farina x o zeta, per non parlare di lievito madre e altro ancora. Ormai non c'è pizza dove non venga scritto accanto lievitazione naturale. Siamo certi che sia così? E poi: non vorremmo che certe parole aggiunte o certi ingredienti servano a fare alzare i prezzi in modo ingiustificato. Tutto qui. Citazione
 
 
+2 #4 marco 2015-09-23 14:55 La "lunga lievitazione" necessariamente impone un aumento dei costi cosi come il vino che invecchia nel tempo e occorre impegnare una cantina (con i relativi costi).
La questione è "degli spazi" che bisogna avere/occupare per lasciare giacere gli impasti ed il lavoro necessario al maggiore "trattamento".
Chiarito questo piccolo aspetto vorrei precisare che non sono affatto a favore di chi propone questi prezzi che appunto ..SONO SPROPOSITATI
Io vivo a Napoli e posso testimoniare che quelle "diciture" effettivamente fanno lievitare il prezzo più di quanto la lunga lievitazione faccia lievitare l'impasto stesso.
Pensante che oramai la competizione oramai avviene su ciò che è scritto sul menu.. sigle come DOP DOCG , IGP …
ed infine , visto che oramai queste sigle appartengono al passato.. c'è qualcuno che ha aggiunto anche le @ …chioccio le … per allungare la lievitazione del prezzo… cose del tipo …servizio 12% .. incredibile

Purtroppo sta accadendo quello che è successo ad esempio ad Amalfi. Nei ristoranti locali ci si possono avvicinare soprattutto facoltosi turisti inglesi che attratti dal "made in italy" pagano cifre spropositate anche per ingredienti e prodotti "di base"

Meglio mangiare una pizza o un piatto di pasta 'lontano dal mare' ..si paga meno ..e magari c'e' anche maggiore qualita'
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY