Banner
Banner
22
Set

Biwa 2015, polemiche sulla fuga di notizie: "Classifica pubblicata da un membro della giuria"

on 22 Settembre 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

Assegnati anche i dieci premi speciali

di Michele Pizzillo

Il Best italian wine awards (Biwa) archivia la quarta edizione con il Barolo Monprivato di Giuseppe Mascarello e figlio al primo posto, seguito da un altro Barolo, il Brunate di Giuseppe Rinaldi e da un vino toscano ottenuto da Cabernet franc in purezza, il Duemani di Luca D’Attoma ed Elena Celli.

Questo è quanto ha deciso la giuria guidata a Luca Gardini e composta da esperti come il londinese Tim Atkin,wine writer tra i più premiati al mondo e Master of wine con 25 anni di esperienza; il parigini Raoul Salama, docente presso la facoltà di Enologia di Bordeaux, giornalista specializzato e degustatore professionale; Christy Canterbury  giornalista di New York, giudice, formatrice e Master of Wine degli Stati Uniti; Daniele Cernilli conosciuto da tutti come Doctor Wine, decano della degustazione e giornalista enogastronomico fra gli artefici del Gambero Rosso fin dagli esordi; Antonio Paolini, critico enogastronomico e degustatore; Pier Bergonzi, vice direttore de La Gazzetta dello Sport, sommelier e appassionato di enogastronomia, fondatore della rubrica “Gazza Golosa” e l’altro ideatore di questa classifica, Andrea Grignaffini. Questo gruppo di esperti, durante l’estate hanno degustato oltre 300 referenze, scegliendone poi 50.

Spulciando la classifica dei 50 migliori vini d’Italia si scopre che al quarto posto c’è un altro Barolo, il Parafada docg 2011 di Palladino. Mentre il Vecchio Samperi Ventennale di Marco De Bartoli, con il quinto posto è il primo a guidare la pattuglia delle cantine del Sud che sono presenti in cinque. I bianchi sono guidati da Furore bianco Fiorduva Costa d’Amalfi doc 2013 di Marina Cuomo (nono posto) e le bollicine da Giulio Ferrari  riserva del Fondatore Trento doc 2004 dei Fratelli Lunelli. Infine, fra i 50 migliori vini d’Italia non c’è nessun rosato. Altre curiosità sono che il Piemonte batte la Toscana con 16 cantine contro 12 e  il Barolo con 11 etichette supera il Brunello di Montalcino che si ferma a quota 6.

Dieci gli awards2015 consegnati nel corso della serata di presentazione del Biwa a Milano, al centro congressi della Cariplo. E, cioè, per “azienda e tradizione” a Barberani perché ha saputo preservare e rilanciare le tradizioni enologiche del proprio territorio. Per il “vino promessa” al Vigna dell’Impero 1935 Valdarno di Sopra doc della Tenuta Sette Ponti che si prepara ad entrare nel pantheon dei grandi vini. Per il “vino da uve autoctone rosso”, il Mamuthone Cannonau di Sardegna doc rosso 2011 di Giuseppe Sedilesu perché continua a portare avanti il messaggio enologico del proprio territorio; mentre per il “bianco” è stato scelto il Trebbiano d’Abruzzo Vigneto di Popoli 2013 di Valle Reale. Il Fior d’arancio moscato giallo spumante docg 2013 di Maeli è stato scelto come “vino pop”. Il “miglior sommelier” è Sokol Ndreko del ristorante Lux Lucis a Forte dei Marmi per la sua classe, eleganza e professionalità. “Alfiere del territorio" è il Castello del Terriccio perché riesce ad andare oltre la vite. Per la “viticoltura eroica” è stato premiato Rosset Terroir perché non si ferma davanti a nessuna difficoltà. Per “vino e tavola” c’è il Dolcetto d’Alba doc Barturot Ca’ Viola. E per “comunicazione e social media”, Umberto Cesari per l’uso dei più contemporanei metodi di comunicazione.

Se alla premiazione fosse intervenuto qualche incursore di  “Striscia la notizia”, il tapiro probabilmente l’avrebbe consegnato chi ha permesso che i nomi degli awards fossero dati in anteprima solo a Pier Bergonzi: è stato l’unico a pubblicarli lunedì mattina, sulla Gazzetta dello Sport. Gli altri media hanno appreso i nomi dei premiati o dal quotidiano sportivo oppure nel corso della serata di premiazione.
E’ ottimo giornalismo anticipare la notizia, quando ti capita l’occasione. Non è una gara corretta quando ti viene lasciato un po’ di vantaggio. La “rosa” probabilmente di vantaggio ne ha avuto parecchio visto che il suo vice direttore, Bergonzi, fa parte della giuria del Biwa.
Eppure uno dei giurati, Daniele Cernilli, ha evidenziato “che adesso il vino non è di moda visto che nessuno ne parla mentre sullo schermo televisivo dilagano i cuochi. Perciò, il vino non sa più comunicare”. E poi ti capita che una interessante, oltre che valida classifica come è stato sottolineato da più parti, può essere sminuita da un quello che pare essere un evidente conflitto d’interessi.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY