Banner
Banner
23
Dic

Eloro, Noto e Siracusa in un'unica Doc. Padova: "Così si rivaluta questa zona della Sicilia"

on 23 Dicembre 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervento


(Massimo Padova)

Una "super doc" che dia la spinta definitiva a questo particolare territorio della Sicilia. 

A svelare il progetto è Massimo Padova, titolare della cantina Riofavara che si trova a Ispica in provincia di Ragusa e anche presidente della strada dei vino e dei sapori della Val di Noto. E proprio questo, Val di Noto dunque, dovrebbe essere il nome della nuova doc siciliana che in realtà assimilebbe e assorbirebbe tre doc già presenti in questa "fetta" di Sicilia orientale: Eloro, Noto e Siracusa: "Tre doc in pochissimi chilometri non hanno molto senso - spiega Padova - Il territorio di questa zona è molto omogeneo e non ci sono molte differenze tra le tre Doc. Meglio puntare su una che comprenda tutte queste zone, ma che rimanga sempre sotto il cappello della Doc Sicilia". Il progetto è stato avviato e, secondo le indiscrezioni, raccoglierebbe il totale consenso dei produttori che appartengono alle tre doc diverse, ossia un trentina circa di vignaioli. L'idea è molto semplice: riunire in un super-consorzio le tre doc già esistenti con il nome di "Val di Noto". "E' il nome - spiega Padova - che accomuna i produttori di questa zona, e poi all'estero è anche molto conosciuto. Sarebbe importante e fondamentale, secondo il mio parere, per il rilancio di questo territorio un po' scollegato dal sistema di promozione dei vini siciliani". Per Padova, la Doc Sicilia è una realtà, anzi come dice lui stesso, una risorsa per chi la utilizza. Ma il surplus che darebbe la spinta a questo territorio sono le sottozone: "Va bene utilizzare il termine Sicilia in etichetta, ma sono fondamentali i territori. E' finita l'epoca dei vitigni - dice Padova - Bisogna puntare tutto sul territorio. Guardate cosa hanno fatto i produttori dell'Etna, che hanno puntato tutto sul nome del vulcano e non sul Nerello Mascalese". Per questo, aggiunge Padova, "la questione Nero d'Avola e Grillo non andava di certo affrontata così - dice - Bisognava lasciare tutto com'era. Non si punta più sulle uve, ma sui territori. Occorre fare una seria promozione. Nel caso specifico del Nero d'Avola ormai i danni fatti all'immagine di questa uva sono incalcolabili. E' stata sputtanata, non certo dai produttori di questa zona, venduta per 4 lire. E ora è difficile farla tornare dove meriterebbe. Per questo secondo me la battaglia della Doc Sicilia è inutile. Il salvataggio di questi vitigni deve passare per i territori".

Sulla vendemmia 2019 alcune considerazioni. "Per i bianchi un'annata fantatica, con le giuste acidità e qualità delle uve elevatissime - dice Padova - I rossi hanno dato parecchi grattacapi. Abbiamo avuto, ed è il terzo anno consecutivo, quantità ridotte e una qualità media. Però sono convinto che i vini che verranno fuori da questa vendemmia, pur non avendo un carattere forte e deciso, saranno molto più longevi, perché le uve hanno molta freschezza". E poi i progetti futuri che riguardano i vitigni reliquia in collaborazione con l'istituto viti e vino della Sicilia: "Un progetto che ci sta dando tantissime soddisfazioni - dice Padova - Ci abbiamo creduto fin dall'inizio e abbiamo iniziato delle micro-vinificazioni che hanno dato prodotti molti interessanti. Questi vitigni reliquia siciliani potrebbero essere anche l'occasione di promozione di queste zone. La strada mi pare ormai tracciata e definita":

G.V.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Filippo Fiorito

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci
Veronica Laguardia

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY