Banner
Banner
27
Dic

Feste più austere ma si riscoprono i sapori della tradizione

on 27 Dicembre 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

Natale più povero, a tavola e sotto l'albero.

Quest'anno, secondo Coldiretti, sono stati spesi  2,3 miliardi di euro in cibi e bevande consumati a tavola tra il cenone della vigilia e il pranzo di Natale, che nove italiani su dieci hanno scelto di trascorrere a casa con parenti o amici. Crisi economica e le nuove tasse avrebbero fatto crollare i tradizionali consumi delle festività. Cenone e pranzo più morigerati, e regali non solo utili, ma anche poco costosi. Anche se non si rinuncia all'appuntamento più tradizionale dell'anno, il calo c’è stato, ben il 18% rispetto a quanto si è speso nel 2010, come non si vedeva dal 2001, l'anno dell'attacco alle torri gemelle, quando il crollo fu del 28%. La spesa per addobbi e regali è stata tagliata di 48 euro. Spese in calo anche per i viaggi, mentre il settore che più di tutti ha risentito della crisi, sostiene il Codacos, è quello dell'abbigliamento e delle calzature, dove il calo delle vendite ha raggiunto quota -30%.

Di questo Natale 2011 meno fastoso esce rafforzata però la tendenza alla riscoperta del legame con i prodotti del territorio che si è espressa a tavola nella preparazione delle ricette del passato. Un appuntamento che, nonostante i profondi cambiamenti negli stili di vita, è fortemente radicato nella popolazione. I sapori del passato e della propria terra di origine hanno imperato sulle tavole. La maggior parte imbandita con menù a base di prodotti o ingredienti nazionali. La spesa stimata da Coldiretti è di 850 milioni di euro per pesce e le carni compresi i salumi, 490 milioni di euro per spumante, vino ed altre bevande, 400 milioni di euro per dolci con gli immancabili panettone, pandoro e panetteria, 270 milioni di euro per ortaggi, conserve, frutta fresca e secca e 190 milioni di euro per formaggi e uova. Secondo l'organizzazione agricola, di tutto questo non è stato consumato circa un quarto, per un valore di mezzo miliardo di euro, e la stessa lancia l’invito a recuperare gli avanzi come gesto che può far bene all’economia e all’ambiente.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY