Banner
Banner
14
Gen

Caviro vende Cantina di Montalcino: tra gli acquirenti Marchesi Antinori e Mezzacorona

on 14 Gennaio 2020. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari


(Cantina di Montalcino)

di Emanuele Scarci

Caviro mette sul mercato la Cantina di Montalcino, controllata della Cantina di Leonardo da Vinci. Il prezzo di cessione della Cantina di Leonardo dovrebbe aggirarsi intorno ai 20 milioni.

Da Faenza il direttore generale SimonPietro Felice conferma la cessione. "Ma le motivazioni dovete chiederle ai nostri soci della Cantina di Leonardo da Vinci, di cui rispettiamo l'autonomia". "La Cantina di Leonardo da Vinci - interviene il direttore della cantina fiorentina Gianni Zipoli - deve realizzare un progetto di sviluppo e internazionalizzazione del Chianti con Caviro per il quale sono necessarie ingenti risorse che possiamo ricavare dalla cantina di Montalcino. Tuttavia la nostra proposta va nella direzione sia di una partnership che di una cessione".

Unica cooperativa

L’azienda è l’unica cooperativa vinicola di Montalcino e non dispone di vigneti di proprietà. Conta però su una cantina, inaugurata nel 2013, con attrezzature moderne: secondo l’azienda, sono stati investiti negli ultimi anni una quindicina di milioni. “La Cantina di Montalcino - commenta Lorenzo Tersi, titolare di alla guida di LT Wine & Food Advisory e negoziatore della cooperativa - dispone inoltre di un magazzino di 600 mila bottiglie tra Rosso e Brunello, relative alle annate 2015 e 2016 già imbottigliate; le altre sono vino sfuso. Il suo valore potrebbe oscillare intorno ai 4-5 milioni". La Cantina di Montalcino produce circa 300 mila bottiglie l’anno grazie a una quarantina di conferitori. La tenuta confina con le proprietà di Angelini e di Gnudi.

Chi sono i potenziali acquirenti della Cantina di Montalcino? Secondo gli addetti ai lavori, sulla carta potrebbe, potenzialmente, fare comodo a Marchesi Antinori che con la tenuta Pian delle Vigne dispone di 65 ettari, ma non di infrastrutture adeguate oppure ad altre cooperative come Mezzacorona, qualora decidesse di investire in Toscana, o ancora a grandi imbottigliatori come Farnese, Botter e Martini o piccoli imbottigliatori toscani come Castellani, Piccini e Sensi. E senza escludere qualche investitore francese.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Filippo Fiorito

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci
Veronica Laguardia

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY