Banner
Banner
07
Nov

Ma Milano è davvero il nuovo eden gastronomico italiano?

on 07 November 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari


(Il nuovo quartiere di Milano Porta Nuova)

di Michele Pizzillo, Milano

Dopo Expo, tutti ad elogiare l’offerta gastronomica milanese, tanto da scatenare una sorta di corsa alla ricerca dell’oro con l’apertura di ristoranti all’ombra della Madonnina. 

Ultimo arrivato è lo stellato Antonello Colonna, di Labico, cittadina in provincia di Roma. Se, ci soffermiamo un po' a leggere la Guida Michelin, potremmo avere spunti per fare una qualche riflessione circa la voglia di trovare un “buco” a Milano, perché, secondo molti, c’è più possibilità di avere successo. La mitica rossa ci fa venire qualche dubbio, soffermando l’attenzione al numero dei locali stellati. Intanto Roma batte Milano 20 a 19. E sì. Gli stellati a Roma sono 20 (1 tristellato, 1 bistellato, 18 stellati), a Milano 19 (1 tristellato, 3 bistellati, 15 stellati). Se Roma, rispetto a Milano non avesse i problemi politico-amministrativi che quotidianamente ci raccontano i media, secondo gli ispettori della Michelin – e numeri alla mano a confermarlo -, potrebbe essere un piccolo “eden” gastronomico. 

Se poi guardiamo i dati delle province, in vetta troviamo Napoli con  26 ristoranti (6 bistellati e 20 stellati); a ruota c’è Roma con 24 ristoranti (1 tristellato, 1 bistellato e  22 stellati). Solo in terza posizione si colloca Milano, con 20 ristoranti (1 tristellato, 3 bistellati e 16 stellati), Bolzano con 19 (1 tristellato, 4 bistellati e 14 stellati), Cuneo è a quota 18 (1 tristellato, 2 bistellati e 15 stellati). Chi investe fuori dal proprio “orticello”, fa qualche conticino prima di tirare fuori una barca di soldi? 

Presa nel suo complesso, però la Lombardia si trova all’apice della classifica delle regioni più stellate. Infatti, conta 62 ristoranti premiati (3 tristellati, 5 bistellati e 54 stellati). Il Piemonte è in seconda posizione, con 46 ristoranti (1 tristellato, 4 bistellati e 41 stellati), mentre la Campania si colloca al terzo posto, con 44 ristoranti, (6 bistellati e 38 stellati). Seguono Toscana, con 40 ristoranti (1 tristellato, 4 bistellati e 35 stellati) e, infine, il Veneto, a quota 37 (1 tristellato, 4 bistellati e 32 stellati). L’unica regione che non ha locali stellati è il Molise. 

Ci viene spontaneo fare qualche considerazione circa la distribuzione delle stelle e, quindi, anche qualche interrogativo. Come, per esempio, è possibile che città come Genova, Bologna, Cagliari, Catania, Palermo abbiano un solo ristorante che meriti la stella? E quelle, limitandoci ai capoluoghi di regione, come Potenza, Udine, Ancona, Bari, Perugia, Aosta ne sono privi? E, poi, solo 6 stellati in Liguria, 2 nelle Marche, Sardegna ed Umbria, sembrano davvero poco.  Questo il panorama stellato della Guida Michelin 2020: 328 ristoranti stellati (30 novità), 35 ristoranti bistellati (2 novità), 11 ristoranti tristellati (1 novità). Per un totale di 374 ristoranti stellati.

La 65 edizione della Guida Michelin, oltre le stelle, propone ai suoi lettori 2.700 alberghi e ristoranti. Tra i 2.075 ristoranti, con il simbolo , vengono segnalati gli oltre 1.400 locali che propongono un buon pasto con prodotti di qualità. Con il simbolo della faccina sorridente dell’Omino Michelin che si lecca i baffi, sono indicati i 266 Bib Gourmand, di cui 25 novità, che vuol dire un ristorante che propone una piacevole esperienza gastronomica, con un menu completo a meno di 35 euro. Le regioni con più ristoranti Bib Gourmand rimangono invariate, rispetto all’anno scorso: Emilia-Romagna 33, Piemonte32, Lombardia 28, Toscana 27 e Veneto 22 .

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY