Banner
Banner
18
Ott

L'incendio nel ristorante Verdechiaro: "Un momento difficile, ma speriamo di uscirne"

on 18 Ottobre 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

di Clara Minissale, Palermo

Nello Occhipinti e la moglie Daniela Assennato sono pronti a raccogliere i cocci di ciò che l’incendio di fine settembre ha lasciato del loro locale. 

Verdechiaro in piazza Leoni, a Palermo, fresco di una ristrutturazione “per renderlo ancora più accogliente per i nostri clienti”, dicono marito e moglie, è andato in fumo prima che potesse essere inaugurato. Una tragedia, resa più tollerabile solo dal fatto che le fiamme, per fortuna, hanno fatto danni e non vittime. “I Vigili del Fuoco hanno chiuso le indagini e consegnato tutto al Pubblico Ministero – dicono – e adesso aspettiamo che ci riconsegnino i locali per cercare di salvare il salvabile. Cerchiamo di prendere coscienza di ciò che è successo e forza per affrontarlo. L’incendio potrebbe essere stato causato da una bombola provvisoria che avevamo nel locale, in attesa dell’allaccio alla rete del metano che tardava ad arrivare e che, ironia della sorte, è arrivato poco dopo l’incendio”, spiegano.  

Le fiamme hanno distrutto la loro creatura, nata sei anni prima come bottega e diventata poi bistrot, punto di riferimento in città per gli amanti della cucina pensata con materie prime e ingredienti salutari. “Sono stati momenti molto difficili – dice la coppia – ma abbiamo riscoperto il cuore di Palermo, con una testimonianza di vicinanza e solidarietà che non ci aspettavamo: clienti, colleghi, gente sconosciuta che ha voluto sostenerci. Questo vuol dire che Verdechiaro, in questi anni, ha seminato bene”. 

Una solidarietà che si è concretizzata anche in una raccolta di fondi per dare una mano a Nello e Daniela che adesso dovranno far fronte a spese ingenti per rimettere tutto in sesto. “Quello che è successo ci ha investiti come un treno – aggiunge Daniela – e adesso vogliamo riprenderci la nostra vita”. Ma se, da un lato c’è la solidarietà della città, dall’altro ci sono le banche e i conti da pagare. “Siamo reduci da due mesi di chiusura del locale per consentire di effettuare i lavori di ristrutturazione, poi c’è stato l’incendio e adesso, se tutto andrà bene, dovremo fronteggiare ancora altri lavori. Non nascondo che è un momento di grande difficoltà per noi - dice lo chef di Verdechiaro – con le banche che fanno finta di non capire cosa stiamo attraversando”. 

Ma la coppia non molla e per affrontare questo presente un po’ incerto si fa forza programmando la ripresa delle attività. “Speriamo di farcela entro dicembre - dice sommessamente Nello - perché altri mesi di chiusura sarebbero davvero difficili da fronteggiare”.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY