Banner
Banner
29
Apr

Il riscatto delle botteghe di quartiere che piace a Slow Food: "Il cliente è ciò che conta"

on 29 Aprile 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

Le comunità sono cominciate grazie all'impegno e alla caparbia dei due titolari della gastronomia Armetta di Palermo


(Gino e Teresa Armetta)

di Clara Minissale

È il riscatto delle botteghe di quartiere, un modo per fissare in maniera inequivocabile il ruolo che hanno nel proprio territorio. 

Il negozio di prossimità non è solo luogo di acquisti, ma anche spazio di condivisione, di incontro, di racconti e di territorio. E oggi Slow Food ne riconosce tutto il valore dando la propria benedizione alla nascita delle Comunità delle botteghe di quartiere. Un movimento partito dal basso, da quei bottegai che hanno fatto del proprio mestiere una missione e che ha trovato terreno fertile nel cammino di Slow Food dopo il congresso di Chengdu del 2017 che ha sancito l’importanza internazionale delle comunità, della rete a livello territoriale. A credere nella forza delle botteghe di quartiere in Sicilia sono stati innanzitutto Gino e Teresa Armetta che da anni portano avanti la loro attività di famiglia nel quartiere San Lorenzo a Palermo. A loro si sono uniti altri bottegai che, con il loro impegno, hanno trasformato il modello siciliano di bottega di quartiere da salvaguardare in un esempio da esportare a livello nazionale, facendo da guida nella nascita della Comunità.    

“Quello delle Comunità è un nuovo modo di essere parte attiva nel movimento Slow Food nel mondo – spiega Francesco Sottile, del Comitato esecutivo nazionale – che deve attivarsi intorno ad un progetto ben definito, la valorizzazione del lavoro fatto sul territorio. Un modo più snello di essere attivi rispetto alle Condotte, che rimangono comunque fondamentali”.“Negli ambienti urbani il negozio di prossimità è la storia dell’Italia: alimentari, salsamenterie, salumerie, pescherie, macellerie, panifici, negozi di frutta e verdura, piccoli bistrot, taverne e bar a conduzione familiare – spiegano da Slow Food - Botteghe quale fulcro del vissuto di una comunità ed elemento di riconoscimento. Luoghi in cui ci si ritrova, ci si da del tu, ci si scambia esperienza ed aiuto”. Cose nelle quali Gino e Teresa Armetta credono da sempre, principi che sono alla base del loro quotidiano lavoro nella bottega di via dei Quartieri a Palermo. 

“La nostra idea era quella di invertire la rotta di una mancata valorizzazione del negozio di quartiere che, invece, è luogo di scambi quotidiani – dice Teresa Armetta, portavoce della Comunità -. Qui da noi non si acquista soltanto ma ci si fa compagnia, si chiacchiera, si vive appieno la vita della comunità locale. Ci è sembrato quindi naturale pensare di sostenere e valorizzare i negozi di quartiere che diventano presìdi Slow Food del territorio”. Le botteghe sono dunque una sorta di patrimonio immateriale riconosciuto e, al pari dei più noti presìdi, vengono sostenute e accompagnate nell’attività di valorizzazione del territorio, con l’impegno di passare ai giovani testimone e conoscenze, perché queste vivano nel tempo e si moltiplichino.

“Una delle parti più innovative del progetto della Comunità delle botteghe di quartiere è proprio il fatto che si sia pensato alla formazione dei giovani, ad insegnare loro come essere bottegai, dalle relazioni con i prodotti a quelle con i clienti”, dice Francesco Sottile. Le botteghe diventano, dunque, la chiave per riscoprire una dimensione di vita a misura d’uomo, per ritrovare il tempo, per fare in modo che i quartieri non vengano abbandonati. Nello spirito di condivisione del fondatore di Slow Food Carlo Petrini, farsi interpreti sul territorio a partire dalla riappropriazione quotidiana, soprattutto da parte delle nuove generazioni. “Per far parte di questa rete - aggiunge Teresa Armetta – non è necessario essere negozi storici ma è importante non avere affiliati. Nel nostro lavoro, ciò che conta è come accogli e come segui il consumatore, come lo guidi nella scelte, come racconti prodotti e produttori, cosa che noi cerchiamo di fare al meglio ogni giorno”. 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY