Banner
Banner
20
Gen

Diego Cusumano: i principali competitor della Sicilia del vino? I siciliani

on 20 Gennaio 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervista

Lo becchiamo a Boston tra un aereo e un altro, tra un importatore e un cliente.

E’ tra i produttori di vino più globetrotter del pianeta. Con lui parliamo di questo 2012 che è partito pieno di incognite. Diego Cusumano, che col fratello Alberto, è uno dei nomi che più fa girare la Sicilia da bere nel mondo, traccia uno scenario.  
 
Come sarà questo 2012?
"Troppo presto per dare una risposta chiara, qui negli Stati Uniti l’atmosfera mi è sembrata buona, ristoranti pieni e hotel pieni. Credo che assisteremo ad un periodo di attesa legata alle notizie macroeconomiche italiane ed europee. Ma non credo che la situazione reale sarà così negativa come dalle aspettative che in questo momento si stanno creando sul mercato”.

C’è qualche spiraglio di ottimismo?
“Secondo me sì”.

La crisi come sta cambiando le filosofie aziendali?
“Posso parlare per la mia azienda. Abbiamo messo in atto un piano d’attacco con i nostri importatori ed agenti investendo nella distubuzione e sulla comunicazione. L’obiettivo è mantenere le quote di mercato”.
 
Come sta cambiando l’approccio al vino? Sia in Italia che all’estero?
 ”Qualità, brand e prezzo sono le tre  cose che il mercato richiede. Lo richiedeva prima e lo richiede adesso e continuerà a richiederlo. Oggi assistiamo ad una richiesta che viene influenzata dalla variabile prezzo ma bisogna resistere per evitare che il brand possa subire danni irreparabili”.

Continua l’attenzione verso i vini di fascia bassa? O la fascia media segna qualche passo di recupero?
“I nostri dati ci dicono che vini come l’Angimbè ed il Benuara mantengono bene il volume sul mercato. Prezzo medio senza brand non funziona, prezzo alto senza brand non funziona. La chiave per mantenere il prezzo è il valore del brand sul mercato”.
 
E’ vera la spinta verso la regionalizzazione dei consumi? E se è così come si manifesta? 
“Questo è un problema Italiano. Nel caso di vini siciliani il fenomeno è più marcato perché abbiamo assistito ad un effetto moda in passato che ha superato i limiti regionali. Ma questo si è verificato con un prezzo notevolmente inferiore ai prezzi dei vini delle regioni classiche. Oggi i loro prezzi sono uguali o più bassi dei nostri e questo influenza la regionalizzazione. Ma spesso siamo anche noi che ci muoviamo in modo da limitare la distrubuzione a casa nostra”.
 
Il ruolo della Gdo in Italia è destinato a crescere ancora? 
“Sì, decisamente”.
 
Con la Doc Sicilia quali aspettative?
 
“Se è chiara sul mercato sarà una leva per aumentare i consumi di vini siciliani. Se non riusciremo ad essere chiari sul mercato cambia la forma ma il risultato non cambia. Bisogna unire forma con sostanza: un consumatore di Milano che compra un vino  che prima era Igt e oggi diventa Doc cosa dovrà trovare di diverso rispetto a prima e rispetto ad un vino Igt Terre Siciliane? Se non riusciremo a fare sistema la Doc muore dopo un giorno viceversa sarà un ottima opportunitànella valorizzazione del territorio”.
 
La carenza di uva ha aiutato alla fine le aziende dai grandi numeri o no? 
“Il vino non manca”.
 
All’estero chi è il vero competitor della Sicilia? L’Australia – dicono – è in panne… 
“Il nostro vero competitor siamo noi stessi. Ci siamo cullati sul brand Sicilia senza costruire i singoli brand sul mercato e questo oggi si paga”.
 

F.C.

Share

Commenti  

 
0 #1 Marilena Barbera 2012-01-20 12:37 Caro Diego,

Permettimi di rivolgermi direttamente a te e di ragionare sulla tua ultima affermazione: “Il nostro vero competitor siamo noi stessi. Ci siamo cullati sul brand Sicilia senza costruire i singoli brand sul mercato e questo oggi si paga.”

Pur condividendo la tua affermazione che “il nostro vero competitor siamo noi stessi”, non credo che il problema sia la mancanza di forza dei singoli brand siciliani nel contesto globale.
Dal mio punto di vista, il problema è che i singoli brand di grandi aziende siciliane (che poi sono 9 o 10, non di più) hanno solo raramente fatto squadra per il territorio nel suo complesso: hanno – dal loro punto di vista anche comprensibilmen te – speso tempo, denari ed energie per promuovere se stessi “contro” i loro presunti competitor siciliani, rinunciando a creare un gruppo coeso e attivo nella promozione del brand territoriale di riferimento, soprattutto all’estero.

Questo nel breve e medio periodo danneggia moltissimo i piccoli produttori, naturalmente, che hanno molte meno risorse (umane e finanziarie) dei grandi per costruire e mantenere il proprio posizionamento sul mercato, ma danneggia nel lungo periodo anche le grandi aziende che, in un contesto differente (pensiamo a territori globalmente affermati come Toscana e Piemonte, oppure Champagne e Borgogna) oggi sarebbero molto più forti.

Il territorio è una grandissima risorsa: nessuno esiste senza di esso e un territorio forte è un volano per tutti, soprattutto per i grandi.

Ti abbraccio,
Marilena
Citazione
 
 
0 #2 Guareschi 2012-01-23 01:03 La dinamica della fatica, sfida per il cambiamento

L'analisi del settore vitivinicolo richiede non solo un'analisi economica ma soprattutto culturale. Infatti, il titolo dell'intervista evidenzia che la vera questione è innanzitutto di conoscenza.
Prendere atto delle difficoltà e trovare dei compagni di viaggio sostiene la fatica ed incrementa il desiderio ad imparare dagli errori. Grazie e buon lavoro
Citazione
 
 
0 #3 Dea 2012-01-23 10:54 I live in Marsala, the heart of western Sicily's wine country. There are many great wines here, well crafted, complex, layered and beautiful. You can get a good wine for under 10 euros. Most of these wines are unknown, undermarketed and well it's a struggle. The worst part? Many of these winery's owners and senior staff think they already know everything, they are not open to change, adaptation to the market and are not willing to modify or modernise their approach. It makes me sad, I hope things change. Written from a Social Media analyst point of view and a consumer point of view. Citazione
 
 
0 #4 Piero Buffa 2012-01-23 11:54 Evviva si ritorna a parlare di territorio sempre in maniera astratta…Grandi e piccole che siano le aziende, bisogna avere l'onestà di ammetterlo, non c'è lungimiranza e intelligenza per fare network. Ha ragione Diego i principali competitor siamo noi.. con le nostre visioni condominiali mai di grande respiro. C'è da chiedersi come mai dopo tanti anni le aziende riconoscibili e percepite siano sempre le stesse. Eppure idee e progetti per sviluppare il tanto agognato territorio ci sono stati, peccato che si senta soltanto il rumoroso silenzio di chi avrebbe dovuto crederci per primo, con buona pace del territorio. Ma si!!!! meglio soli che insieme…Pensate cosa sarebbe una Sicilia che riuscisse a fare network culturale,enoga stronomico in giro per il mondo anzichè presenze appena percepibili che si continuano a fare senza nessuna efficacia e sopratutto senza nessun ritorno per il brand sicilia.

Un abbraccio
Piero Buffa

Piero Buffa
Citazione
 
 
0 #5 Guareschi 2012-01-24 10:38 L'economia dell'Identità, solo teoria?

"noi possiamo compiere le nostre scelte economiche sia sulla base di incentivi monetari sia in riferimento alla nostra identità. A parità di incentivi monetari, noi evitiamo quelle azioni che confliggono con l'idea che abbiamo del nostro sé e della nostra vita. Secondo Akerlof e Kranton introdurre il concetto di "identità" spiega perché gli individui - nel confrontarsi con la stessa situazione economica - compiono scelte diverse."
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY