Banner
Banner
14
Gen

Bollicine, chiusure e una bottiglia ancora più leggera: il consorzio Albeisa guarda al futuro

on 14 Gennaio 2020. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervista


(Marina Marcarino)

di Giorgio Vaiana

Uniti, sotto la stessa bottiglia. Il consorzio Albeisa ormai è una importante realtà a livello mondiale. 

Insieme a Châteauneuf-du-pape in Francia, sono gli unici territori vitivinicoli al mondo ad avere una bottiglia che identifica i produttori e i territori. Oggi racchiude oltre 300 produttori e una produzione di quasi 30 milioni di bottiglie. La storia di questa associazione risale ad oltre 300 anni fa. Furono i produttori della zona albese a volere una bottiglia che li potesse far distinguere dagli altri produttori di vino. E chiedono consiglio ai maestri vetrai delle vetrerie di Poirino, a due passi da Torino. Qui nasce la bottiglia Albesia, rigorosamente soffiata a bocca, che ricorda un po' la bordolese e un po' la borgognotta, ma non è nessuna delle due. Pian piano la bottiglia diventa sempre pià conosciuta e apprezzata. E proprio questo successo cozza un po' con l'artigianalità della produzione che non riesce a stare dietro ai ritmi che i produttori volevano. Quindi serve una sorta di semi-industrializzazione che mantenga però intatte le caratteristiche di questa bottiglia.

La svolta della nuova "Bocg", la bottiglia di origine controllata e garantita, avviene nel 1973. Grazie all’intuizione di 16 produttori albesi, ispirati dal visionario Renato Ratti, la bottiglia Albeisa viene riprodotta e regolamentata tramite un preciso statuto che mai prima era stato messo in atto per disciplinare e controllare l’utilizzo di un contenitore. L’innovazione, unica nel suo genere, non è quella di riprodurre una vecchia bottiglia, ma quella di legarla ad un territorio e di regolamentarne il suo utilizzo all’interno del territorio stesso. La nuova versione del 1973 riporta in modo chiaro ed esplicito il suo nome, grazie ad un rilievo sul vetro ripetuto per 4 volte ad altezza della spalla, in modo da poterlo scorgere da qualsiasi parte la si guardi.

"La nostra forza - spiega il presidente Marina Marcarino, eletta nel 2017 - è quella che la nostra bottiglia rappresenta uno specifico territorio" ed annuncia alcune importanti iniziative: "Cerchremo di mettere sempre più al centro i produttori - dice - ma su questo progetto ancora non posso rivelarvi nulla. Poi c'è la tematica ambientale che ci sta sempre a cuore. I soci dell'associazione stanno contribuendo ad una riforestazione dei territori. Nei mesi di febbraio e marzo saranno messi a dimora oltre 3 mila arbusti sui terreni messi a disposizione dai soci. Lo faremo non solo per una questione paesaggistica, ma soprattutto di ambiente". L'anno 2019 si è chiuso, dal punto di vista enologico con un "meno" davanti ai numeri che indicano il raccolto. "Un calo delle rese che ci aspettavamo - dice Marcarino - Ma tutto questo non ha influito sulla qualità delle nostre uve, che rimane al top. Si cominciano a vedere cose molto interesanti".

La bottiglia insomma, come portavoce di un territorio e, adesso, nelle intenzioni degli associati, come "spinta" decisiva per gli stessi produttori. "Far parte dell'associazione non è semplice - dice il presidente - Anche se adesso stiamo aprendo anche ai soci che non producono per forza vini a denominazione e ci stiamo concentrando sulle bollicine, un settore molto in ascesa". Quindi essere un produttore delle Langhe non vuol dire far parte dell'associazione e quindi poter utilizzare la bottiglia Albeisa. Un nuovo socio è ammesso solo se riceve il consenso dei soci che ne fanno già parte. La sede di produzione del vino deve esere all’interno dei confini delle Langhe e solo i vini derivanti da questi vigneti possono essere imbottigliati nei vari formati disponibili di Albeisa. La bottiglia è prodotta solo dalla vetreria Veralia su mandato della stessa Associazione.

"Le cose stanno cambiando, i tempi si evolvono e dobbiamo evolvere anche noi - dice il presidente - Si guarda molto a quelle che sono le problematiche e le necessità attuali. Per esempio, sul basso impatto ambientale e ci stiamo concentrando sul peso della bottiglia. Prima pesava quasi un chilo, adesso circa 450 grammi e ci sono studi che porteranno a far calare ancosa questo peso. Poi i vari sistemi di chiusura che accontentano tutti i produttori e chi fa spumanti. Qui di bollicine prima nemmeno a parlarne, oggi invece è diventata una zona di grandi spumanti e non potevamo ignorare la cosa". Ma secondo la Marcarino la Albeisa deve continuare a portare avanti la sua mission: "E' un segno di identità importantissimo - dice -  Al di là della forma, il nome impresso sulla spalla indica a tutti chi siamo e da dove veniamo. Un'identità territoriale unica. Ora ci concentriamo per Grandi Langhe (in programma ad Alba il 27 e 28 gennaio 2020, ndr), diventato ormai un appuntamento importantissimo per tutti noi. Sono molto contenta del fatto che adesso la selezione dei giornalisti ospiti è molto più ristretta. Dobbiamo cercare di farci conoscere sempre di più all'estero. Poi in cantiere abbiamo altre grandi degustazioni fuori dai nostri confini nazionali. Ma è ancora troppo presto per parlarne". 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Filippo Fiorito

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci
Veronica Laguardia

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY