Banner
Banner
19
Giu

Malvasia day, tutti gli assaggi

on 19 Giugno 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La degustazione

di Francesco Pensovecchio 

E si bevve Malvasia.

Quanto mai rara e piacevole, anche per il sentito senso di ospitalità ricevuto presso il Capofaro Malvasia & Resort di Tasca d’Almerita, una degustazione comparativa quasi orizzontale di produttori di Malvasia delle Lipari in Salina. Sulla questione Malvasia, in questi anni si è letto poco e in direzioni diversissime. A questo si aggiunga la leadership di alcuni viticoltori avvolti dall’aura misteriosa del produttore sciamano in regime bio, più o meno certificato, rafforzata peraltro dalla condizione “piccola e ventosa isola vulcanica”. Per tradizione è un vino dolce da meditazione ottenuto sul tipico terroir nero e prodotto dall’omonimo vitigno con piccola percentuale (5%) di Corinto Nero. La concentrazione, sempre per tradizione, deriva dall’appassimento su graticci al sole per mediamente 15-20 giorni.


Momento dell'evento

La degustazione getta per la prima volta una luce nuova su questa tipologia e questo vitigno da molti considerato erroneamente come una varietà aromatica e la cui sostanziale forma di differenziazione consiste nella perfetta esecuzione in vendemmia, della qualità in raccolta, del tipo e dalla durata dell’appassimento, e della fermentazione. Mentre, la variabile sapida e leggermente amara ben evidente nel vino da tavola è qui celata dalle rotondità dello zucchero. 


Scorcio di Capofaro

Così, ci siamo imbattuti in volti già noti alla critica e vini a noi quasi sconosciuti. L’opportunità di entrare in relazione diretta con i produttori nei loro luoghi è stato illuminante.

Note: i due parametri tecnici di cui ho tenuto conto nella valutazione sono i grammi di zucchero residuo, un indicatore del grado di dolcezza del vino; e l’alcol, rafforzativo per non dire moltiplicatore – ma anche disturbatore delle sfumature – della sensazione precedente. Nel parlare con i produttori dell’isola, è emerso come dato statistico che i Cru dell’isola sono a Malfa. Un dato che mi piacerebbe approfondire nei prossimi mesi.

Di seguito alcune note sui vini assaggiati:

Tasca d’Almerita – Malvasia di Salina, Capofaro 2010
Alc. 13 vol. – Zucch. 146 gr/lt.
Anziché al sole, le uve sono appassite in cella per 25 giorni. Elegante, per nulla stucchevole, è vestita da una piacevole freschezza. Un vino da dessert di pensiero internazionale. Perfetto per un aperitivo.

Hauner – Malvasia delle Lipari Doc, Passito 2010 e Passito “selezione” 2009
Alc. 13 vol. – Zucch. 60 gr/lt.
Appassimento classico al sole e su graticci per tre settimane. La vendemmia inizia il 15 settembre circa. Note di lavanda e timo, leggere e tipiche le note medicinali. Morbido. La selezione 2009, è più intensa; viene fatta grappolo per grappolo da uve provenienti da un vigneto a Malfa esteso circa 1 ettaro. Zucchero a 80 gr/lt, alcol 13,5 vol. L’appassimento dura circa un mese, la resa è del 25%, la fermentazione avviene in legno piccolo e dura circa 3 mesi. La produzione non raggiunge le 3.000 bottiglie. Molto più intenso e volitivo del precedente, il naso è opulento e luminoso allo stesso momento. Un vino che sorprende per grinta e morbida pastosità. 

Caravaglio – Malvasia delle Lipari Doc, Passito 2010
Alc. 12 vol;  Zucch. 150 gr/lt.
Appassimento per 20 giorni su graticci e utilizzo di acciaio in fermentazione. Affinamento per 6 mesi in legno. I vigneti sono divisi tra Santa Marina, Malfa e Val di Chiesa. Considerato tra i classici dell’Isola, evidenzia agrumi canditi, pesca sciroppata, miele e baccelli di vaniglia. In un’altra versione 2010, un vigneto a nord-ovest viene vendemmiato in condizione di leggera surmaturazione. Le uve asciugano sotto tettoia per due mesi, all’ombra e al vento. Gli zuccheri arrivano a 200 gr/lt e l’alcol a 13 vol. Il vino è concentrato e di color oro scuro. Un vino fuori da ogni schema da godere lentamente a piccolissimi sorsi.

Fenech - Malvasia delle Lipari Doc, Passito 2008
Alc. 13 vol.; Zucch. 114 gr/lt.
Il regime è biologico, le uve sono appassite al sole, gli acini selezionati singolarmente. I 2,60 ettari sono a Malfa – San Lorenzo. Dal ’98 la cantina è stata rinnovata, proponendosi con vini di taglio più moderno. La produzione si attesta su 15.000 bottiglie. Il vino è pieno, di buona struttura. Il naso si muove tra fichi, albicocche e nespole. Buona la persistenza aromatica. 

Virgona - Malvasia delle Lipari Doc, Passito 2007
Alc. 14 vol.; Zucch.138 gr/lt. 
L’appassimento avviene su graticci al sole per 15-20 giorni. Le uve vengono diraspate e macerate per 48 ore. Dopo la pigiatura e la decantazione a freddo, il mosto fermenta sul pulito per una ventina di giorni. Affinamento per 2 anni in vasca e un anno in bottiglia. Virgona è la scoperta di questo viaggio. Non possiamo qui che accennare a due altri vini, un Extra Dry e un bianco secco da tavola, più che interessanti. Il Passito 2008, forse più che il precedente ma resta sulle stesse sensazioni, è fragrante, fresco, con un’acidità viva nonostante gli zuccheri e l’alcol in rilevante presenza. Integre le note di miele di zagara, albicocca disidratata e marmellata di arance. Da provare e riprovare. 

D'Amico - Malvasia delle Lipari Doc , Passito 2009
Alc. 14 vol. Zucch.120 gr/l7;
Un produttore riferimento degli ultimi anni, considerato da molti quale espressione agricola – produce anche olio e capperi – più autentica di questi luoghi. L’azienda è in biologico. L’appassimento avviene su graticci per 3 settimane circa. Il vino fermenta e affina in tonneau di acacia. La fermentazione dura circa un mese. Il risultato è un vino molto personale, in effetti, diverso rispetto al vino di altri vicini, e le cui sfaccettature sembrano restituire una versione originale di Salina. Il 2008 è invece limpido, denso e ricco. Un vino quasi da masticare, una versione che ci è piaciuta particolarmente. 

Gaetano Marchetta - Malvasia delle Lipari Doc , Passito 2010
Alc. 12.78 vol. Zucch. 140 gr lt; 
Il 2010 è per Gaetano Marchetta una bella annata. Appassita su graticci, l’uva viene pigiata e fermenta per oltre due mesi in acciaio. Segue un affinamento di 4 mesi in legno. Al naso è fresco, con ancora delle fini note floreali. Poi fichi, frutta secca, datteri, confettura di pesche, panettone. Morbido, chiude con una leggera nota amarognola. 

Giona - Malvasia delle Lipari Doc , Passito 2008
Alc. 14 vol.; Zucch. 40 gr/lt.
Tre gli ettari tra Malfa e Val di Chiesa di Giona Hauner. L’appassimento avviene in pianta e su graticci (non soleggiati). Fermentazione e affinamento in acciaio per due anni. Il vino è assai piacevole e balsamico. Si riconoscono pesca, fiori di ginestra, caramelle alla menta, miele, biscotti d’orzo e vaniglia. Bocca morbida e finale agli agrumi. 

Colosi - Malvasia delle Lipari Doc, Passito 2008
Alc. 13 vol. Zucch. 130 gr/lt; 
Versione old stile della Malvasia con note medicinali e animali. Poi fico, albicocca e gelsomino. La vendemmia è a fine settembre, l’appassimento su graticci. 

Florio - Malvasia delle Lipari Doc, Passito 2008
Alc. 14 vol; Zucch. 140 gr/lt.
Appassimento su graticci per 20 giorni circa. Dopo la fermentazione affinamento per 5 mesi in botti piccole. Il colore è quasi ambrato. Naso mielato e balsamico, erbe mediterranee. In bocca è pieno, molto vigoroso. Resta la sensazione alcolica. 

Barone di Villagrande - Malvasia delle Lipari Doc, Passito 2009
Alc. 13.5 vol. Zucch. 90 gr/lt; 
Due gli ettari a Salina di Barone di Villagrande presso Santa Marina. La densità è di 7.000 ceppi-ettaro. L’appassimento è su graticci per 20 giorni, la lavorazione avviene interamente in acciaio, il successivo affinamento in bottiglia. Il territorio viene portato in modo abbastanza fedele e aderente. Il naso è di fiori gialli ed erbe mediterranee, albicocca in confettura, miele di timo, biscotto, fichi. Bocca bilanciata, persistente, buona freschezza. Lungo.

 

 

Share

Commenti  

 
-1 #1 Lucio 2012-06-21 00:01 Lantieri non c'era… Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY