Banner
Banner
26
Apr

Oltre 50 anni di storia del Chianti Rufina: Fattoria Selvapiana svela i suoi tesori

on 26 Aprile 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La degustazione


(Franceco Giuntini e Gaetano Saccoccio)

di Marco Sciarrini, Roma

La Rimessa Roscioli a Roma è stata il palcoscenico privilegiato di una verticale unica, che ha visto la Fattoria Selvapiana aprire lo scrigno delle proprie riserve e deliziare il pubblico presente ripercorrendo 44 anni di storia dell’azienda a partire dal 1965 per arrivare al 2009.

Le colline del Chianti Rufina sono situate alle pendici degli ultimi contrafforti dell’Appennino. I vigneti portano i nomi dei vecchi poderi d'epoca mezzadrile: Vigneto Bucerchiale, Vigneto Fornace, Vigneto Casanova, Vigneto Pesalova, Vigneto Al Pino. L’Azienda è a conduzione biologica fin dal 1990. Selvapiana nasce nel medioevo come torre di avvistamento e difesa della città di Firenze a nord, lungo la valle del fiume Sieve, trasformata in Villa, nel periodo rinascimentale fu la residenza estiva di nobili famiglie fiorentine e dei vescovi di Firenze. Fu acquistata nel 1826 da Michele Giuntini, banchiere fiorentino di successo e avo dell’attuale proprietario Francesco Giuntini, che ha condotto l’azienda dal 1957 al 1997. Francesco è stato tra i primi in Toscana a produrre vino da solo uve Sangiovese e a legare il vino bandiera dell’azienda ad uno specifico singolo vigneto, Bucerchiale. Nel 1979 ha prodotto la prima annata di Chianti Rufina Riserva Vigneto Bucerchiale. Primo, nel 1978, a dare fiducia, intuendone le grandi capacità, a Franco Bernabei, consulente enologo ormai di fama internazionale, oggi la proprietà è gestita da Silvia e Federico, figli di Franco Masseti, fattore a Selvapiana dal 1953 al 1990. Selvapiana ha attualmente un estensione di circa 250 ettari di cui 58 ettari a vigneto, 36 ettari a oliveto e 140 a bosco. I terreni di proprietà sono dislocati su tre comuni, Rufina, Pelago e Pontassieve.


(Le bottiglie in degustazione)

Prima della verticale abbiamo chiesto a Federico Giuntini, proprietario dell’Azienda quali sono i progetti della Cantina e dei proprietari della zona: "Intanto bolle in pentola la modifica del disciplinare con la nuova denominazione Chianti Rufina Gran Selezione, che è in fase di discussione agli organi di controllo.  Dal 1932, quando il territorio è rientrato nel disciplinare del Chianti e i produttori hanno avuto sempre in testa quello di poter avere un vestito diverso tale da poter essere riconosciuto per le proprie caratteristiche e qualità”. Ad accompagnarci anche Gaetano Saccoccio event organizer, wine and food selection, nonché filosofo “di nulla accademia”, sempre in cerca di locande, vigne, vignaioli, artigiani o storie degne d’essere vissute e raccontate.

La verticale ha avuto inizio con
Chianti Rufina Riserva vigneto Bucerchiale Docg 2009
Un anno in barrique e un anno di affinamento in bottiglia, la vinificazione è stata fatta in cemento. I toni ferruginosi lasciati in eredità dal tempo, sono evidenti, nota sanguigna, ma anche mentolata balsamica. Al palato grande pulizia, con tannini importanti, e solida spina dorsale di acidità, molto persistente. 

Chianti Rufina Riserva vigneto Bucerchiale Docg 1999
Annata buona, è una pietra miliare nella storia dell’azienda, il colore rubino granato, al naso terra bagnata, humus, foglie bagnate, nota salmastra, liquirizia, ma anche fluide note balsamiche, rabarbaro e sentori di erbe mediterranee. In bocca sorprendente freschezza. Bocca  sanguigna e ampia. Tannino e acidità in completo equilibrio. 

Chianti Rufina Riserva vigneto Bucerchiale Docg 1990
Colore granato, al naso sentore di caffè, radici, genziana, e una nota ferrosa di ruggine. Aperto, cedevole e di frutto. Un vino pronto, quasi grasso nel suo percorso gustativo. Il 1990 è l’annata del  presagio, anno in cui il calore benedetto per la maturazioni del sangiovese in Rufina annunciava le caratteristiche del vino futuro. Austerità, nerbo, e tenacia tannica. 


(La bottiglia del 1965)

Chianti Rufina Riserva vigneto Bucerchiale Doc 1980
Annata difficile e fresca, nella quale la malolattica è stata fatta in bottiglia, al naso note di scatola di sigaro, in bocca una lama di acidità e sapidità e con tannini presenti ma non evidenti. Per molti di difficile interpretazione, il 1980 è l’annata del Rinascimento per la toscana del vino, la vendemmia dopo il 10 di ottobre, controllo della temperatura, sostituzione dei contenitori per la maturazione, che fino a quel momento erano cemento e legno di castagno. Nel giro di boa dei quasi 40 anni si mostra ancora fragrante e fresca in tutta la sua ravvivante acidità quasi a far sembrare i decenni del ‘90 meno giovani a confronto. Per dire come un problema al tempo della gioventù del vino possa divenire un suo pregio durante la maturità.

Chianti Rufina Riserva vigneto Bucerchiale Doc 1978
Il colore inizia a diventare aranciato, al naso note affumicate ferro e ruggine, accompagnato da note balsamiche di zenzero, liquirizia e carruba. In bocca si ritrovano le sensazioni olfattive. 

Chianti Rufina Riserva vigneto Bucerchiale Doc 1965
Colore aranciato, ma al naso una sorprendente nota fresca balsamica, con polvere di caffè e ruggine, ed anche una nota eterea, in bocca si ritrovano le sensazioni olfattive.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY