Banner
Banner
28
Set

Che belle le "cuoche combattenti": così le donne vittime di violenza tornano a nuova vita

on 28 Settembre 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'iniziativa

di Manuela Zanni

Esistono tanti modi di reagire alla violenza, fisica o morale. C’è chi diviene, a sua volta, violento cercando di perpetrare all’infinito lo schema della violenza subìta, e chi, al contrario, riesce ad affrancarsi dal circolo vizioso in cui, suo malgrado, è caduto, creando qualcosa di bello per sé e per gli altri, che del male non porta che il ricordo lontano.

E’ questo il caso di quattro donne palermitane, le “Cuoche combattenti” che hanno deciso di fare della propria esperienza di vita un brend di rinascita, cominciando a produrre confetture e conserve le cui etichette contengono messaggi antiviolenza fino ad arrivare alla tanto agognata apertura di un vero e proprio laboratorio gastronomico dotato di  tutte le attrezzature necessarie come frigoriferi, forni, sterilizzatori e cucine industriali con annesso uno shop dedicato alla vendita di conserve, prodotti da forno e piccola pasticceria. La sede è a Palermo in piazza Generale Cascino, 11 ed è stata inaugurata lo scorso  venerdì 27 settembre. Alla guida dell’esercito delle cuoche combattenti, Nicoletta Cosentino, palermitana di 47 anni, vittima di violenza domestica, riuscita ad emergere da una vita da incubo grazie al supporto del Centro Antiviolenza Le Onde Onlus, grazie al cui aiuto ha deciso di aprire un'impresa tutta sua. Dopo un travagliato percorso che l'ha prima supportata con assistenza legale e psicologica e  uno stage formativo nell'azienda "I peccatucci di Mamma Andrea", la “cuoca combattente” ha, infatti, capito che  questo era ciò che voleva fare “da grande”.

“Esiste un tipo di violenza latente che non lascia lividi o meglio che lascia segni invisibili agli occhi esterni. E’ fatta di continue mortificazioni e denigrazioni che tendono a minare l’autostima della vittima da  parte del carnefice, spesso vestito sotto le mentite spoglie di persona stimata e rispettabile. Solo cominciando a parlarne e a confrontarmi con gli altri ho capito di essere vittima inconsapevole di una violenza indicibile. Ed è stato allora che ho capito che dovevo salvarmi” spiega Nicoletta. Ha, così, deciso di produrre con le sue mani, e con l’aiuto di altre donne che come lei  hanno subìto violenze, conserve e prodotti che portassero in etichetta una ventina di  messaggi antiviolenza tutti diversi come “Tu vali e sei libera sempre", "Chi ti ama non ti controlla", "Senza paura sei molto più bella", "Chi ti ama vuole solo che tu sia felice", "Chi ti ama non ti critica continuamente", "L'amore non ammette minacce, mai",  che fungessero da monito a chi li legge accendendo una lampadina di consapevolezza del male che spesso si subisce senza neanche rendersene conto.

Il progetto di Nicoletta ha ricevuto l’appoggio e il sostegno di tante associazioni e persone che l’hanno incoraggiata e aiutata a realizzare il suo sogno  chiedendo un microcredito di ventimila euro  il cui 20 per percento  di copertura è stato ottenuto  grazie al fondo per le “doti di libertà” di  D.I.Re (donne in rete contro la violenza). Dopo alcuni mesi Nicoletta insieme ad altre donne che hanno un destino analogo  ha aperto un'associazione tutta al femminile. Sugli scaffali dell’allegra bottega in cui i colori hanno fatto impallidire il ricordo  nero della violenza subìta  che è il filo conduttore che lega Nicoletta alle altre cuoche combattenti, si troveranno confetture preparate con materie prime  di stagione come quella extra di cipolle rosse, extra di prugne settembrine, extra di pere e noci, ma anche conserve come  il pesto di melanzane e poi  di carciofi e arance, confettura di pere e cannella. Tra i lievitati non mancheranno  i muffin e  tanti altri dolci da forno e biscotti su ordinazione.

Grazie a questo percorso di rinascita  Nicoletta ha acquistato l’indipendenza economica, la cui assenza è uno dei tanti espedienti utilizzata dai compagni per soggiogare le proprie donne, riconquistando così  la libertà di vivere la propria vita in modo pieno e completo. Questo traguardo per Nicoletta è stato, in realtà, un trampolino di lancio che ha suscitato in lei il desiderio di fare della propria passione una professione riuscendo, al contempo, ad aiutare tutte le altre  donne che stanno percorrendo lo stesso cammino di rinascita dalla violenza. Ecco che l'immediatezza di  un’etichetta scritta in maniera efficace diventa un modo per svegliare la consapevolezza veicolando il motto del progetto: "Se ne può uscire". Tutte le etichette, 24 per l'esattezza, intendono sfatare quegli stereotipi che tendono a mascherare gli abusi, difficili a volte da percepire perché camuffati sottoforma di premure e  verso l’altro ma che, in realtà, ne nascondono il desiderio di sopraffazione e dominio. Il cibo diviene così un metodo per comunicare e condividere, un mezzo attraverso il quale veicolare i saperi e distribuire i compiti in una concezione di reciprocità e “sorellanza” che crea senso di unione e appartenenza e apre la mente ad una “possibilità di Libertà”.

Tutti i prodotti sono realizzati artigianalmente secondo ricette tradizionali utilizzando materia prima a "Km 0"  proveniente da coltivazioni biologiche per garantire il rispetto della Terra e la genuinità del prodotto finale, conservando  le risorse che la Natura ci offre, come si faceva un tempo, per godere dei gusti stagionali tutto l’anno per la riaffermazione della cultura  del territorio con attenzione alla sostenibilità ecologica e ad un consumo critico. Un bell’esempio di resilienza che merita rispetto e ammirazione e che dimostra che dalla violenza si può uscire con la forza di volontà e determinazione, proprio quella che le cuoche combattenti hanno “da vendere” insieme a tante golosità.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY