Banner
Banner
16
Ott

Motta Camastra celebra le noci: le tre cultivar tra gli stand del borgo messinese

on 16 Ottobre 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La manifestazione


(Massimo Sena, Ferdinando Branca, Filippo Zullo e Stefano Salvo)

Ormai la sagra dellanoce è una tradizione del comune di Motta Camastra in provincia di Messina e anche quest'anno ha fatto registrare il tutto esaurito.

I nonni mangiavano sempre almeno unanoce al giorno e raccontavano che quella abitudine l’avrebbe fatta campare un anno di più. Le noci infatti, per il loro l contenuto di fibre, proteine, vitamina B, acidi grassi, acido folico, acido linoleico e l'acido linolenico arginina, polifenoli, garantiscono uno spettro nutrizionale di rara ampiezza e densità. Inoltre, le noci di Motta Camastra, hanno un alto contenuto di selenio, un ottimo antiossidante, con valori anche superiori a 100 volte di quelli delle altre per noci provenienti dall’Italia e dall’estero. A motta sono tre le cultivar delle noci: Pacenzia, Pannuzzara e Curròm (la prima medio-piccola, la seconda media di circa 6 centimetrim e la terza medio grande). Annualmente il comune, coadiuvato da Filippo Zullo, organizza una tavola rotonda, chiamando ad intevenire tutti gli studiosi della regione e delle Università di Catania e di Messina, che espongono tutte le novita scientifiche e le prospettive economiche, che si hanno attorno al mondo della noce.


(Le "mamme del borgo")

Durante la sagra, è consuetudine il pranzo preparato dalle “Mamme del Borgo”, una associazione che produce eventi di intrattenimento gastronomico secondo un calendario annale variabile, con un contributto di partecipazione quesi simbolico e che sta riscuotendo ormai da qualche lustro un enorme successo. E così abbiamo potuto assaggiare l'antipasto, composto da dadini di formaggio ovino, pomodorini  ripieni, la zucca rossa in agrodolce, una caponata estiva, il cavolfiore affogato. Nello stesso tavolo sono arrivati anche gli arancini al ragù di noci. Quindi due primi: i ravioli alle erbe selvatiche condite con pesto di noci e i classici  maccheroni al ferretto (detti “di casa”) conditi col sugo di cotiche di maiale. Poi un  piatto di polpette arrostite nella foglia di limone, salsiccia arrostita sul fuoco e agnello al forno con patate al forno. Alla fine i dolci tipici delle case mottesi: tortelli fritti di crema, la torta di noci e i piparelli di noci. Sorprendente la mousse al vino locale. 
Enzo Raneri

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY