Banner
Banner
21
Lug

Il mondo di Caravaglio

on 21 Luglio 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio

“Isola, io non ho che te cuore della mia razza” scriveva Salvatore Quasimodo nel 1932 a testimonianza del suo profondo legame con la Sicilia.

Lo stesso amore, la stessa carica emotiva, lo stesso fortissimo sentimento nelle parole di Nino Caravaglio, produttore vinicolo, quando si parla della sua Salina. L’isola che gli ha dato i natali, che gli ha dato lavoro fin dall’età di sedici anni quando, raccogliendo capperi, ci si assicurava un po’ di benessere “Mia madre ha mantenuto me e i miei fratelli all’università per anni solo grazie ai capperi”, le sue parole a testimonianza. Oggi Nino Caravaglio vive ancora di quest’isola nei suoi dodici ettari di vigneti sparsi ad altitudini diverse. Vive dei suoi grandiosi panorami, della potenza della natura che trova espressione nei boschi di felci, nei colori accesi di alcuni fiori (alcuni dei quali non siamo stati in grado di riconoscere), in una vegetazione che cresce senz’acqua. Proprio così, senz’acqua, come uno dei vigneti di Nino che si trova a Tricomi, prima di Malfa, ma in alto dove il panorama toglie il fiato anche ai contadini che lo conoscono a memoria.

Qui trova dimora il Corinto nero, uva capricciosa priva di semi e dalla buccia spessa “Una volta con questa si faceva l’uva passa. C’era addirittura una marca che si chiamava proprio Corinto – racconta Nino divertito – poi tutti hanno smesso di crederci e forse non ci credono nemmeno adesso”, il viso è duro ma nasconde un sorriso timido e  vivace, di chi sa quale sarà la sua prossima mossa. Questo piccolo vigneto è il suo orgoglio. E’ bello, è forte e non ha bisogno di niente. E’ come quest’isola, il vento la bagna, l’acqua l’asciuga, proprio come nel proverbio siciliano… e forse è un po’ come Nino.

Si scende. Questa volta si va nella base operativa, nella piccola azienda dalla splendida terrazza. Qui Nino ci rapisce con due Malvasie, entrambe buonissime, entrambe “fimmine”perché raccolte solo da mano di donna, “La mia squadra è fatta di sole donne – spiega Nino - lo preferisco, sono più precise, più delicate e si affezionano di più all’azienda”.

La prima Malvasia ha visto un mese di appassimento, ha i riflessi dorati ed un naso delicato e armonico nelle note mielate e floreali, in bocca una equilibrata acidità. E’ l’annata 2010 e sarà in commercio tra 5  o 6 mesi. La seconda è una chicca. Stessa annata, stessa uva, due mesi di appassimento “Per i nostalgici della Malvasia di una volta” racconta divertito Nino. Il colore non tradisce, è decisamente più scuro perché viene da un’uva molto appassita che ha  note dolci e profumi intensi di datteri e frutta secca. In bocca è un’esplosione, si dispiega nella sua potenza aromatica ma la dolcezza resta contenuta. “E’ stucchevole?” domanda Nino con lo stesso timido sorriso di chi non si prende mai troppo sul serio. La risposta è corale “ E’ elegante e avvolgente”. Lo vogliamo definire un cru? Forse, se entrerà in commercio. Certamente è un vino che racconterà la sua storia ancora per molto tempo.
L’ultimo incantesimo di Nino è accompagnarci dove produce i capperi. Si scende ancora e siamo quasi a strapiombo sul mare. La vista è ancora più bella, qui si possono riconoscere perfino le barche a largo.

Ci aggrappiamo tra le rocce nella discesa, mentre fanno capolino in ogni dove le piante di cappero. Da lontano un profumo che non tradisce. Dietro l’angolo la moglie di Nino confeziona i pregiatissimi boccioli tondeggianti insieme alla figlia e ad una vicina. La madia è piena di piccolissimi capperi, i più pregiati, che sono già stati lavorati con il sale per quindici  giorni ed il profumo è così intenso da stordire.

I sorrisi, la semplicità di questi luoghi, i colori accesi ed un viso aperto come quello di Nino non si trovano spesso. Viverli è un privilegio di pochi, come sarà un privilegio assaggiare la Malvasia di Nino per chi lo farà tra qualche anno. Siamo sicuri che ci ricorderemo di tutto questo ancora per un bel pezzo, almeno fino a quando stufi della vita reale non decideremo di rintanarci nel sogno di quest’isola dai boschi di felci. Speriamo che Nino, da buon custode e padrone di casa, ci aprirà ancora una volta i suoi portoni con lo stesso sorriso timido e vivace.

Laura Di Trapani

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY