Banner
Banner
23
Giu

Quando i numeri raccontano il vino

on 23 Giugno 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio

Marco Baccaglio, analista finanziario con la passione per l’enologia, ha dato vita ad un blog. “L’Italia manca di marchi e di massa critica delle aziende per fronteggiare il mercato estero”

La tradizione ed i prodotti diversificati. Questi sono i punti di forza del mondo enologico italiano a detta di Marco Baccaglio (nella foto), analista finanziario con la passione per il vino tanto da dar vita ad un blog, ‘I numeri del vino’ (www.inumeridelvino.it).

I punti deboli? La promozione sui nuovi mercati: “L’Italia del vino manca di marchi e di massa critica delle aziende per fronteggiare il mercato estero”, afferma.
Da cinque anni a questa parte Baccaglio fornisce numeri e statistiche del vino commentandoli ed esaminandoli. Aggiornamenti ogni due giorni per un lavoro settimanale di circa cinque ore. L’idea è quella di dare un quadro del mondo enologico attingendo da dati pubblici, “non così facilmente accessibili o reperibili - commenta –. Alle volte occorre un po’ di negoziazione”. Nelle ultime statistiche pubblicate sul suo blog, i cui incassi “sono devoluti – tiene a sottolineare Baccaglio - integralmente in beneficenza e che ad oggi sono stati inviati a Divina Provvidenza Onlus in Peru oltre novemila euro”, emerge una crescita del trentuno per cento nell’export da parte dell’Italia.
“Una crescita avvenuta in cinque anni – specifica Baccaglio –. Un dato significativo soprattutto in relazione al fatto che coincide con il periodo in cui si è innescata la crisi”. Come se lo spiega? “Col fatto che i prodotti italiani hanno prezzi più bassi”. Nei cinque anni che sono passati, i vini imbottigliati sono cresciuti del 25 per cento, i vini sfusi del 55 per cento e i vini spumanti del 70 per cento. I vini sfusi erano il 7.5 per cento delle esportazioni e oggi sono il 9 per cento, i vini spumanti sono passati dal 9 per cento all’11.5 per cento attuale. In generale “c’è un recupero – sostiene Baccaglio – ma i margini sono ancora sottopressione. Di certo dal 2009, anno peggiore, si comincia a respirare ma c’è ancora tanto da fare e tanti i punti su cui il mondo del vino italiano deve lavorare”. E da appassionato del vino nonché sommelier, chiediamo a Baccaglio qual’è secondo lui il vino più buono in Italia. Senza pensarci due volte afferma: “Da buon piemontese, di certo i vini delle Langhe mentre per me il vino bianco è francese”.

Sandra Pizzurro

 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY