Banner
Banner
06
Nov

Giuseppe Raciti, finalmente brilla la stella a Zash: "Sogno che si avvera"

on 06 November 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio


(Giuseppe Raciti)

di Clara Minissale

Il vento che si insinua tra le foglie degli alberi di agrumi e rimanda ad un suono preciso, Zash, ha portato ai piedi dell’Etna una nuova stella Michelin. 

Attesa, certamente desiderata, frutto di lungo lavoro, talento e abnegazione, è arrivata oggi, scandita a piene lettere nel teatro Municipale di Piacenza, durante la presentazione della Rossa edizione 2020 e consegnata allo chef Giuseppe Raciti. Il coronamento, per lui, di anni di lavoro al country boutique hotel della famiglia Maugeri a Riposto, in provincia di Catania, dove è alla guida della cucina dal 2014. Ma anche l’apertura di un nuovo capitolo, quello da ristorante stellato, il terzo tra Catania e provincia. “Sarò banale – ha detto lo chef subito dopo il riconoscimento – ma è davvero il coronamento di un lungo lavoro fatto con grande devozione da tutta la mia squadra in cucina ma anche dalla sala che, in questi anni, è cresciuta tantissimo. L’impegno di tutti ci ha portati qui oggi e ne siamo davvero fieri”. 

La sua è una cucina di forma e sostanza che, negli anni, si è liberata da alcuni orpelli e oggi punta dritta alla sostanza, con la scelta, netta, di semplificare, nuova parola d’ordine dello chef che ha scelto di mettere nel piatto non più di tre elementi per volta sui quali concentrare qualità e tecnica e far concentrare il palato.  Trentaquattro anni, una lunga gavetta alle spalle, chef stellati come maestri e una lunga esperienza in Svizzera con Mirto Marchesi a lo Chalet d'Adrien, poi con Ezio Santin all’Antica Osteria del Ponte, quindi con Massimo Mantarro del Principe di Cerami a Taormina. Dei loro insegnamenti Raciti ha fatto tesoro, adattandoli, successivamente, alla sua idea di cucina, fatta di territorio ma che non può prescindere da elementi acquisiti durante gli anni della formazione, come ad esempio la cottura delle carni, non a caso che uno dei suoi piatti simbolo è pluma di maialino iberico cotta a bassa temperatura che oggi serve con cipollotto alla brace e ketchup di lamponi. 

Negli anni scorsi è stato l’unico concorrente in gara a rappresentare la Sicilia al Bocuse d’Or, ha nel cassetto un titolo come miglior chef under 30 del Sud Italia, il concorso organizzato da Cronache di Gusto in cui Raciti stupì i presidenti di giuria, Ciccio Sultano e Mauro Uliassi. Sempre Zash ha vinto il premio del nostro giornale "Best in Sicily" come miglior ristorante. 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY