Banner
Banner
30
Lug

Ciro Biondi: quali vitigni nel mio rosso? Semplicemente Etna, of course...

on 30 Luglio 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio

 
(Ciro Biondi)

di Francesca Landolina

“Nel mio vino c’è Etna, niente altro. Quando mi chiedono quali vitigni ci sono dentro, rispondo ‘Etna’". È quasi una battuta. E forse può bastare.


È la risposta che preferisce pronunciare Ciro Biondi, vignaiolo di Trecastagni, versante est dell'Etna soprattutto quando si trova all'estero, Usa e Paesi anglosassoni, per degustazioni e fiere enologiche. Quasi una battuta, sicuramente una forzatura. Ma se avesse ragione Biondi? Lui poi aggiunge: "a che serve dilungarsi sui vitigni. Credo che il territorio valga molto di più e non dobbiamo smettere di imitare i francesi in questi ragionamenti". Certo, se nel bicchiere c'è un rosso sarà quasi certamente un Nerello Mascalese magari con un saldo di Nerello Cappuccio. E se sarà un bianco potrebbe trattarsi di un Carricante con un'aggiunta di Catarratto. 

"L’Etna - aggiunge Biondi - è un territorio che si vende da solo, unico al mondo. Non occorre confondere i consumatori, stranieri soprattutto, su nozioni che poco attraggono, almeno inizialmente. Personalmente, non uso più neanche le schede tecniche e poi trovo assurdo che mi dicano “Vorrei bere un Nerello Mascalese”. Che significa? Allora si dovrebbe rispondere: “Sì, ma un Nerello Mascalese prodotto dove?”. Bisogna insomma dar forza al territorio, tralasciando e mettendo in secondo piano le informazioni tecniche. Del resto, prosegue Biondi: “Il Nerello Mascalese non è Etna, diventa Etna solo e soltanto sulla Montagna”.  Che sia una provocazione è facile da intuire e lo ammette lo stesso produttore, raccontando le reazioni riflesse sulle facce dei consumatori, spesso un po' disorientate davanti a quella sua risposta fuorviante solo in apparenza. Ma Biondi prosegue: “Se vai a comprare uno Chablis, chiedi mai che vitigno c’è dentro? Lo stesso approccio si dovrebbe avere nei riguardi dell’Etna".

Tutto questo, secondo Biondi, è anche un modo migliore per proporsi, per vendere vino.Territorio e narrazione. Queste le due parole chiave per trasmettere il senso di quel vino. Poi, naturalmente, qualche informazione sui vitigni può seguire e lo stesso produttore spiega: “I consumatori a cui faccio degustare il mio vino in America, rimangono un po’ storditi dal mio modo di raccontare il vino, ma dopo mi intenerisco un po’ e se devo parlare dei vitigni autoctoni, come il Nerello Mascalese e il Nerello Cappuccio per esempio, lo faccio, ma senza scendere troppo sul tecnico. Non trascuro mai di raccontare l’origine del termine Mascalese dalla cittadina Mascali o altri aneddoti e racconti. Il vino, in generale, bisogna narrarlo, coinvolgendo chi ascolta per lasciare un ricordo che accompagni il gusto del sorso e rimanga a lungo nella memoria. A cosa serve conoscere il ph di un vino? Resta forse questo al consumatore, soprattutto a quello straniero? Non credo”.

Diretto e deciso, Biondi parla sulla base di una forte esperienza all’estero. L’azienda vitivinicola Le vigne Biondi a Trecastagni, in provincia di Catania, ha una produzione di circa 22 mila bottiglie, vendute all’estero per il 90 per cento dei casi. I mercati di riferimento più importanti sono gli Stati Uniti, il Canada, la Germania, la Russia, l’Inghilterra, la Norvegia, Singapore e Hong Kong. Negli Stati Uniti la stampa e i sommelier hanno fatto tanto per far conoscere il vino dell’Etna, un vino che del resto è in generale fatto bene e piace. Ma al consumatore, secondo il produttore, si arriva trasmettendo il significato del territorio. “Il mio vino è Etna. Non c’è altro da aggiungere. Per il resto basta berlo e se piace comprarlo”.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY