Banner
Banner
01
Ott

Carlo Petrini contro l'Europa dei burocrati e gli avidi gourmand

on 01 Ottobre 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio

“L’Europa che vuole far valere le stesse leggi nella Valle della Loira come in Sicilia non mi interessa” , lo dice Carlo Petrini in una intervista concessa a La Revue du Vin, magazine di settore e di riferimento in Francia.

Il fondatore di Slow Food batte sempre su questo punto caldo, “il nodo da sciogliere” di un sistema culturale, politico ed economico che ancora non riconosce il ruolo primario dell’agricoltura, le diversità territoriali e il giusto valore della qualità di un prodotto e della sua storia. Petrini evoca, chiede anzi il ritorno al Trattato di Roma del 1957, e si appella “al senso di responsabilità delle diverse comunità che partecipano ad un destino comune”. Punta il dito contro l’Europa dei burocrati e contro “la coppia Sarkozy-Merkel”.  “L’Europa deve rispettare l’unità nella diversità – ha detto-, deve essere un unione ricca con molta più democrazia partecipativa”.

E nel raccontare le lotte di Slow Food, il progetto di Terra Madre e gli obiettivi raggiunti, Petrini si sofferma sulla percezione del cibo e del suo valore. Questo calato negli ultimi 50 anni, a causa anche  della politica del prezzo, come ribadisce al giornalista, che ha portato il consumatore a concentrare la propria scelta su questo dimenticando il resto e l’origine del prodotto stesso. “Dobbiamo ritornare a coltivare una visione olistica”, dice a proposito del vino, emblema della produzione agricola. E si sofferma sul concetto di qualità. “Per me qualità al prezzo basso è un’utopia negativa – dice – senza i criteri buono, pulito e giusto la qualità del cibo non esiste”.  E va contro gli “avidi gourmand”, contro gli snob che giudicano il cibo “solo perché è buono e non gli interessa se poi gli agricoltori sono trattati come schiavi”. La qualità per Petrini  non è un’idea elitaria. “E’ un concetto umanista – specifica -. Non è un valore di desta o di sinistra. La qualità è l’opposto dell’avidità e di una mentalità dissoluta. E dice ancora, "Che senso ha una gastronomia che non difende i piccoli produttori? - e prosegue a proposito dell'ideologia politica- Bisogna solo guardare la realtà. L'agricoltura deve porsi obiettivi chiari: l'ambiente umano, la difesa delel comunità, del diritto di mangiare bene, la salvaguardia del patrimonio alimentare. (...) Moderazione, condivisione, compartecipazione, gioia di vivere, senza perdere il divertimento che ci da la forza di resistere,  è questo quello che ci deve guidare”.

C.d.G.


fonte: La Revue du Vin

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY