Banner
Banner
24
Lug

Frank Cornelissen: le mie annate sull'Etna, dalla più cattiva alla migliore

on 24 Luglio 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio

Incontrare Frank Cornelissen e degustare i suoi vini è sempre un'esperienza da segnare nel taccuino.

Vuoi per la diversità, vuoi per le chiacchierate che ne fanno sempre un personaggio un po' visionario, vuoi perché sei sull'Etna. Questa volta però mentre assaggiavo i suoi vini, Frank ha cominciato a narrare una sorta di diario di bordo delle annate sull'Etna, da quando cioè questo belga è rimasto folgorato dal vulcano e ha deciso che Solicchiata doveva diventare la sua nuova patria, familiare e professionale. Ricordiamo che oggi Frank produce circa 35 mila bottiglie, nove etichette, conta su una superfice vitata di 14 ettari e una resa media per ettaro di meno di 25 quintali di uva dove il Magma, il supercru dell'azienda che fa affinare i vini nelle anfore, è ottenuto da un vigneto straordinario per bellezza dove la resa è di circa cinque quintali di uva. Segnaliamo pure che i vini, di cui parleremo prossimamente, in questi anni sono cambiati molto nello stile e nella bevibilità. Ci sembrano meno estremi e comunque l'Etna nel medio periodo ha fornito qualche spunto a Frank che si è inchinato alle volontà del territorio. Mentre una novità è che Cornelissen dalla vendemmia 2013 vorrà ricorrere alla Doc Etna per alcune sue etichette e, forse, alla Doc Sicilia, perché, sostiene, il brand Sicilia o Etna sono opportunità da cogliere per chi, come lui, esporta il 95 per cento delle bottiglie. Ecco invece il racconto delle sue annate sull'Etna. Quanti altri produttori condividerebbero queste sue note?

2001 
Annata semplice, non è passata una nuvola in vendemmia, uve raccolte tra il 23 e il 25 ottobre. Tutto facile, troppo facile. Prima annata mitica, non si scorda mai. Ma è stata una illusione, i problemi sono arrivati dopo, l'Etna ammaliante poi rivela la sua natura indomabile.

2002 
Scoppia la cenere, tannini troppo evidenti, sabbia sulle uve. Di tutto e di più. Nervosa, difficile. In cantina vini instabili.

2003 
Stracaldo prima, tutto anticipato, poi all'improvviso quattro giorni pioggia e uno asciutto. Ho buttato l'85 per cento delle mie uve, in tutto ho fatto 1.500 bottiglie. Di cui 500 Magma.

2004
All'inizio grande annata, belle uve e sane, poi acidità elevata, maturazione difficile. Alla fine annata anomala. 

2005
Botrytis, annata fredda e complicata, vini bellissimi, finezza ed eleganza. Ma niente Magma.

2006 
Agosto caldo, uva bollita, rosa. Butto più del 60 per cento di uva. Un disastro. Vini densi, molto caldi. Vini rustici, non per tutti. Diventano belli solo dopo, sono vini che vogliono tempo.

2007  
Annata  fresca, vini con poco colore, profondità e intensità inpressionanti. Bianchi  buoni, Magma speciale. In bocca intensità pazzesca.

2008 
Annata troppo facile ma è quella che mi piace meno, un po' anonima, buona resa, tannino liscio, nessuna complicazione in vendemmia.

2009 
Grandissima annata, complicata in vendemmia. Equillibrata però, molte piogge e molto vento. Chi aveva poca resa sulle piante ha fatto vini felici. Grandissimo Magma, bellissimo bianco.

2010
Potenziale disastro, nessun vento in vendemmia, umidità, brina, bucce danneggiate,  muffa grigia, piuttosto da dimenticare, mi affido al vino del contadino e a pochi cru.

2011 
Grandissima annata per il Nerello Mascalese,  bianco un po' deludente, clima molto bello, equilibrato, fresco, acqua nei momenti giusti. Vendemmia in autunno per chi aveva coraggio di aspettare. Un'annata così solo ogni 10 anni.

2012 
Annata molto asciutta, luglio e agosto niente acqua, alla fine concentrazione molto alta, vendemmia anticipata. E quindi concentrazione, poco Etna, molto alcol o tanti zuccheri residui o poca stoffa. 

F. C.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY