Banner
Banner
12
Giu

"Servono modifiche alla Doc Etna, genera confusione e non tiene conto delle produzioni di nicchia"

on 12 Giugno 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio


Francesco Di Miceli

Ha scommesso sull’Etna quando nessuno ancora ci credeva.

Oggi la sua preoccupazione è che “con l’arrivo dei grandi si mantenga sempre il rispetto del territorio”. Francesco Di Miceli, amministratore unico di Cantine Patria a Solicchiata, frazione di Castiglione di Sicilia è uno che non le manda a dire. E ne ha anche per la doc Etna che “così come è concepita – afferma – genererà solo confusione perché è fatta senza tenere conto delle produzioni delle zone di nicchia. Siamo preoccupati che ci siano pochi controlli e che questo ci penalizzi”. Invece, secondo lui, bisogna puntare tutto sulla terra, darle valore aggiunto, “un valore che non deve andare all’estero – ammonisce – ma restare ai produttori”.

E il valore di questa terra lui lo conosce bene, dato che ci ha investito nel lontano 1991 quando, invece, tutti i terreni venivano abbandonati. Ma questo gran parlare di vini dell’Etna, questo loro essere così alla moda comincia a stargli un po’ stretto ed è per questo che sta investendo in altre produzioni. Come 100% Zero, lo spumante senza alcol frutto di nove anni di studi e sperimentazioni, con il quale punta a conquistare nuovi spazi. “Siamo fortunati perché abbiamo potuto mettere sul mercato un prodotto che non ha nessun altro – sostiene – e contiamo di affinarlo ancora e per aprire nuovi segmenti”.

Ma non basta. Il patron di Cantine Patria guarda oltre e medita di realizzare una grappa dell’Etna. “Stiamo lavorando con l’Anag, l’Associazione Nazionale Assaggiatori Grappa ed Acquaviti e con l’assessorato regionale all’Agricoltura per trasformare le bucce dell’uva del vulcano - dice -. Siamo ancora in fase di sperimentazione”. Ma la tenacia non gli manca e se dopo nove anni è nato il puro succo d’uva con le bollicine, c’è da scommettere che per la grappa dell’Etna sia solo questione di tempo.

Clara Minissale

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY