Banner
Banner
24
Ago

Caffè al bar, crollano i consumi

on 24 Agosto 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Vini e territori

Con la crisi si rinuncia anche al caffè al bar.

Colpita l'abitudine più amata dagli italiani. Si assiste ad un crollo drammatico, dice la Fipe, assieme Niente più caffè al bar. al generalizzato calo delle consumazioni di locali e ristoranti. A non salvare la situazione i prezzi.  A giugno 2012 la caffetteria ha aumentato i prezzi del 2,7% rispetto a un anno fa, ecco quindi lo scatto dell'espresso dai canonici 80 centesimi a un euro tondo: al di sotto o al di sopra, dipende poi dal locale. Un prezzo comunque, sottolinea la Fipe, ben al di sotto dell'inflazione generale (+3,3% nel periodo). Per la prima volta poi, caffè e quotidiano non viaggiano accoppiati come da tradizione. La tazzina si smarca dall'incremento del prezzo del giornale, salito a 1,20, fa notare Stoppani, «la domanda interna è sistematicamente crollata, ci salvano un pò i turisti ma la barriera dell'euro è difficile da superare». 

Si abbandona la classica colazione al bar. Un cambio di abitudini che non sfugge agli osservatori  d'oltreoceano: gli europei tirano la cinghia sull'amata tazzina,
scrive il Wall Street Journal. E anche se il consumo pro-capite  di caffè degli europei resta il più alto al mondo, sale la domanda per le qualità meno costose, rileva. E questo si riflette sui prezzi: i chicchi di arabica quest'anno sono in calo 30%, mentre il costo di quelli robusta - di qualità più bassa - sono aumentati del 18%. Un balzo che gli analisti attribuiscono alla maggiore domanda europea per questo tipo di chicchi meno costosi.
 
L'italiano non smentisce il suo primato di consumatore-top al bancone: con 5,8 chilogrammi di caffè procapite, l'Italia si accaparra il 7% dei consumi mondiali, e il consumo nei circa 160mila bar e caffè italiani rappresenta il 25% del totale nazionale. Il Bel Paese esporta poi il 30% del caffè che viene importato, una quota in aumento costante negli ultimi 20 anni,  dice l'associazione Caffè Speciali Certificati (Csc).  Ma accanto alla passione per la tazzina, a difettare da noi è la cultura per la qualità del prodotto. Tanto che in Nord Europa mediamente si consuma un caffè di qualità nettamente più alta di quello servito nei locali italiani, afferma Enrico Meschini, presidente di Csc che però spezza una lancia a favore dei baristi nazionali: «da qualche anno, a dispetto della crisi, cresce l'attenzione per la qualità del prodotto, una buona tazzina caratterizza il locale e fidelizza il cliente».

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY