Banner
Banner
22
Dic

Romanée-Conti, dietro un grande vino c'è sempre una grande storia

on 22 Dicembre 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Vini e territori

di Raffaello Maugeri 

Ricordo, qualche tempo fa, una cena indimenticabile a casa di un amico.

Tra i tanti grandi vini scelti per la serata, un Echezeaux del Domaine de la Romanée-Conti, anno 2000, che mi lasciava senza parole. Della Borgogna e del Pinot Nero aveva tutto, il colore rosso rubino scarico, l’intensità e la complessità all’olfatto, con richiami di viola, frutti, spezie e toni minerali, ma all’assaggio c’era anche qualcos’altro: eleganza e raffinatezza che accarezzavano il palato in un’esperienza quasi mistica e preziosissima per me. Sapevo che il Grand Cru da me degustato non era neppure il più grande né il più costoso dei vini prodotti dall’azienda ma riflettevo che il celebre Domaine, era celebre per i prezzi che praticava al suo affezionato e ristrettissimo pubblico.

Non credendo che un’azienda e i suoi vini possano essere giudicati solo dal costo dei propri vini, prodotti in quantità limitate certo e questa in Borgogna non è un eccezione, il “mito” doveva fondarsi su ben altro- Sono andato a rileggermi la storia del Domaine e ho parlato con chi Romanée-Conti ed i suoi vini li conosceva bene. E ho compreso che la grandezza dell’azienda viene dalla sua incredibile e lunghissima storia, della quale vale la pena ricordare qualche passaggio significativo.
 
I vigneti del Domaine erano noti già nel tardo medioevo, in particolare gli attuali Romenée St. Vivant e Romanée-Conti erano conosciuti come Cloux de Saint Vivant, suoli studiati attentamente dai monaci che per difficoltà economiche sopravvenute dovettero disfarsene. I grandi vigneti diventano tali specie se nel tempo qualcuno studia, conosce e sfrutta le loro potenzialità prima celate.
 
Celebre proprietario fu dal 1760 il principe Louis-François Bourbon de Conti, che rivaleggiava con madame de Pompadour alla corte di Luigi XV e solo per poco non riuscì a fare del suo vino il vino ufficiale di corte. La sua opera di mecenate non restò ignota poiché, nonostante i moti rivoluzionari avessero requisito la proprietà al figlio, nuovo principe di Conti, già nel 1794 questa viene citata con il nome di Romanée-Conti a singolare e perenne riconoscimento, in un’epoca rivoluzionaria, dell’opera lì svolta dal nobile proprietario.


Da sinistra Aubert de Villaine e Henry-Frédéric Roch

Dopo tanti passaggi di mano, la proprietà passa nel 1911 a Henri Chambon e Edmond Gaudin de Villaine, il cui discendente Aubert è uno attualmente uno dei due co-gérant del Domaine.

Acquisizioni importanti ma anche scelte produttive azzeccate danno seguito ad una serie impressionante di grandi annate, specie con la guida di Lalou-Bize Leroy e Aubert de Villaine, dal 1974 . Il temperamento della Leroy e le sue indubbie  capacità di direzione, unite a una sensibilità perfetta di degustratrice, creano facilmente scontri con l’altro co-gérant De Villaine e alla fine la Leroy lascia, dedicandosi esclusivamente ai domaine di famiglia
 
Oggi il Domaine dai suoi 24 ettari di vigneti produce circa 80mila bottiglie l’anno, con rese molto basse, tra queste alcuni tra i più grandi vini di Francia come i Grand Crù Romanée-Conti, La Tache, Echezeaux, Grand Echezeaux, Romanée St. Vivanted il bianco Montrachet.
Le scelte di Aubert de Villane, oggi alla guida con Henri Frédéric Roch, nipote della Leroy, di dare ogni spazio possibile alle qualità e sanità delle uve, a metodi di coltivazione biologici, e a intervenire in cantina in modo misurato, con un uso sapiente della barrique, dimostrano che la conoscenza del terroir, l’intrinseca qualità dei vigneti e una gestione saggia della vinificazione sono gli ingredienti essenziali per fare un grande vino, non basta il marketing.

Il mito di Romanée-Conti continua grazie alla sua storia affascinante che si  mescola e confonde con la storia del vino di Borgogna e di Francia e si illumina grazie a vini meravigliosi come l’Echezeaux che è all’origine di questa nostra storia.

Share

Commenti  

 
0 #1 Francesco 2011-12-22 12:41 Grandi vini che trasferiscono grandi emozioni, questa è arte. Citazione
 
 
0 #2 Massimiliano Montes 2011-12-22 14:18 Mi permetto di aggiungere soltanto che quando si parla di "vini naturali" bisogna sempre tenere presente che i più grandi vini del mondo, quelli prodotti dal Domaine della Romanée-Conti sono vini assolutamente naturali, da coltivazione biologica. Citazione
 
 
0 #3 Tommy 2011-12-26 13:39 Salve, volevo chiederVi se in Sicilia è possibile reperire una bottiglia di Romaée e se si dove?
Grazie
Tommy
Citazione
 
 
0 #4 Massimiliano Montes 2011-12-26 17:35 Il Domaine de la Romanée-Conti possiede diverse vigne: La Tâche, Richebourg, Romanée-St-Vivant, Grand Echézeaux, Echézeaux, e Montrachet per i bianchi.

Il loro miglior Cru è però sicuramente il "monopole" Romanée-Conti, un vigneto di 1,8 ettari delimitato per la prima volta dai monaci Cistercensi nel tardo medio-evo.

Qualche bottiglia dei primi Cru che ho elencato puoi trovarla nelle migliori enoteche, con prezzi di qualche centinaio di euro per bottiglia.

Le bottiglie di Romanée-Conti monopole sono, ahimé, il sogno di tutti gli appassionati di vino. Credo che avrai qualche difficoltà a trovarle, a meno che tu non voglia spendere cifre che vanno da qualche migliaio di euro per le annate più recenti alle decine di migliaia di euro per i capolavori del 1990 e 1996.

Se trovi un 1996 invitami ad assaggiarlo
Citazione
 
 
0 #5 Cino Serrao 2015-05-31 11:38 dopo oltre quarant'anni di degustazioni in giro per il mondo, sono convinto che in Italia dovremmo seguire l'approccio dei Romane'e-Conti: ovvero biologico, biologico e ancora biologico con operazioni soft in cantina Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY