Banner
Banner
14
Mag

Nebbiolo Prima, i nostri migliori assaggi/1

on 14 maggio 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Vini e territori


da Alba, Francesco Pensovecchio

È lo speciale di Nebbiolo Prima, l’evento dedicato al Barolo, al Barbaresco e al Roero: una degustazione presso le Antiche Cantine dell’Hotel Calissano ad Alba con oltre cento produttori che include una retrospettiva dell’annata 2005. 

Vi raccontiamo alcuni assaggi tra quelli che ci sono più piaciuti:

 

Orlando Abrigo

Barbaresco Docg 2012 Montersino
 

Bottiglie prodotte: 7.000

Montersino è la pietra preziosa di Giovanni Abrigo. Le visioni sono moderne ma legate a doppio filo con il passato; nella vigna, nei manufatti, nel vino. Montersino è una splendida vigna, il vino preciso, chiaro, generoso, resta 15 mesi in barrique ma si sente poco. La stoffa è preziosa, il vestito casual.

 

Orlando Abrigo

Barbaresco Docg 2005 Montersino
 

Bottiglie prodotte: 7.000

Dieci anni passati in uno schiocco di dita. Frutti rossi e spezie si rincorrono. I tannini sono dolci ma importanti. Chiude la vaniglia e la frutta. Uno spasso.

 

Bartolo Mascarello

Barolo Docg 2010
 

Bottiglie prodotte: 18.000

Maria Teresa Mascarello è un’icona del Barolo. Pur minuta, pacata, nel sentirla parlare e assaggiando assieme sentirete la necessità di indossare un paio di occhiali da sole per dosare l’ipnotica luminosità della persona e dei suoi vini. Quattro vigne (Cannubi, San Lorenzo, Rué e Rocche dell’Annunziata), cinque ettari, si mette tutto assieme in vasche di cemento. La fusione è la sintesi di centinaia di anni di Barolo, descrivere è un oltraggio. Nota su un altro vino: la Freisa è una chicca imperdibile.

 

Carlo Chiesa

Roero Docg 2011 Monfriggio
 

Bottiglie prodotte: 2.500

Nel cuore del Roero, le vigne sulle colline di Santo Stefano hanno suoli argillo/sabbiosi che mettono in luce una fine durezza con una chiusura ben asciutta. Il mosto resta sulle bucce per un mese, il vino affina per tre anni. Il rigore si alterna a momenti di generosa empatia.

 

Carlo Chiesa

Roero Docg 2006 Monfriggio

Bottiglie prodotte: 2.500

Questo millesimo è molto personale, l’affinamento tira fuori delle caratteristiche speziate e animali ancora più evidenti, emancipandosi dalle evidenti ovvietà varietali che al Nebbiolo in genere non mancano. Anche se punge e pizzica, è destinato a una deliziosa compagnia da tavola.

 

Cavalier Bartolomeo

Langhe Rosso Doc Enfant 2013

Bottiglie prodotte: 2.500

Off topic Barolo, è un vino che ci piace e ci ha sorpreso. L’Enfant, oltre il Nebbiolo, include un 5% di Dolcetto e altrettanto di Barbera. Ne vien fuori un vino che guizza che è una bellezza, con una vena ruvida (ce lo si consenta nel senso più alto e nobile) e contadina che mette gioia.

 

Cavalier Bartolomeo

Barolo Docg 2009 Altenasso

Bottiglie prodotte: 8.000

Superato felicemente l’approccio con l’Enfant, passiamo al cuore della produzione, il Barolo. E’ un vino da un lato severo, dall’altro curiosamente gentile e floreale, quelle rose e quelle viole che sono i decori olfattivi del Barolo. E’ espressione lineare e inequivoca della lettura di Dario Borgogno.

 

Cavalier Bartolomeo

Barolo Docg 2009 Cannubi-San Lorenzo

Bottiglie prodotte: 1.000

Non lo troveremo subito con questa “Menzione Geografica Aggiuntiva” (MeGA), i due vigneti di riferimento, ma solo San Lorenzo. Resta il fatto che è, e resta, manifestazione chiara dei Baroli presso Castiglione Falletto. Due anni in legno nuovo di rovere, uno in botte di acciaio e un anno di affinamento in bottiglia.

 

Cavallotto

Barolo Docg 2005 Riserva Bricco Boschis, Vigna San Giuseppe

Il cru è Bricco Boschis le uve provengono dalla vigna San Giuseppe. E’ un Barolo Riserva di grande complessità. L’invecchiamento è esemplare, si avverte ancora la frutta, ma le spezie e terziari finissimi non ti fanno schiodare dal bicchiere. Molto bello.

 

Cavallotto

Barolo 2005 Riserva Vignolo

Anche dal cru Vignolo si ottengono Baroli di grande struttura tuttavia più discreti ed eleganti. Profumi in prima battuta fruttati e floreali, tanto da non sembrare che siano già passati 10 anni, si snodano nel naso in piccolo vortice olfattivo. Una balsamicità che rinfranca.

 

Castello di Verduno

Langhe Doc Nebbiolo 2013

Una degustazione tra le più belle anche per la sequenza. Ci piace e ci ripiace, e la degustazione con l’enologo Mario Andrion, lo avvertiamo come un professionista sensibile e consapevole, getta un fascio di luce sui vini di quest’azienda che si muove sia su Barbaresco che su Barolo. Questo è un Langhe Nebbiolo che suggeriamo a tutti coloro che desiderano un approccio poco cervellotico al territorio. Lo dico così: Hashtag #vincosubitoefacile

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY