Banner
Banner
Banner
20
Gen

Podere Veneri Vecchio, la storia di Raffaello Annichiarico

on 20 Gennaio 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda


Raffaello Annichiarico

di Armando Garofano

Castelvenere in provincia di Benevento è il comune più vitato della Campania, dei quattordici chilometri quadrati di superficie totale del paese, circa undici sono ricoperti da floride vigne.

Il terroir prevalentemente argilloso è punteggiato di massi di tufo nero, ed il paese stesso è stato edificato ricavando materiali da costruzione da un enorme blocco tufaceo, che poi - bucherellato come una forma di Emmental -  ha fornito profonde cantine dove vinificare al riparo dalle temperature torride dell'estate e conservare il vino con gli ingredienti più semplici: buio e freddo.

Anche la bella dimora di Raffello Annichiarico è stata costruita secondo questo metodo: il materiale è stato estratto da un grosso blocco tufaceo e poi la cavità risultata dagli scavi è stata integrata nella casa ed usata come cantina e stalla. Una decina d’anni fa Raffaello, s'è innamorato di questa vecchia masseria abbandonata e l’ha fedelmente ristrutturata recuperando i pezzi di cui aveva bisogno direttamente dalla vigna accanto, proprio come i contadini che per primi l'avevano edificata.


Podere Veneri Vecchio

Raffaello, che di mestiere fa l'agronomo, è diventato produttore quasi per caso. Dopo aver comprato la casa solo per passarci il fine-settimana ha deciso di entrare nella storia di quel luogo, delle vigne intorno alla casa, del piccolo bosco di acacie che le delimita, in punta di piedi: con delicatezza e rispetto.  Innanzitutto non ha modificato le tradizionali vigne miste, che erano comuni in tutte le campagne meridionali, prima della recente moda del monovitigno. Tutti i suoi vini, infatti, pur essendo dei blend vengono da un unico vigneto.
 
E poi, Raffello in vigna ha bandito i diserbanti chimici, non fa uso di fertilizzanti e solo quando c’è bisogno usa il sistema del sovescio o prodotti che stimolano le difese naturali della vite. Il suo obiettivo è di ottenere un’uva sana grazie ad una microflora e ad una fauna selezionata nel tempo. E come ama ripetere: "il tempo non si può accelerare”.


Il vigneto di Tempo dopo Tempo

Infatti, anche per la vinificazione utilizza solo lieviti naturali che anno dopo anno si sono acclimatati nelle sue vigne e in cantina, aggiunge una quantità minima di solforosa (3 grammi per ettolitro solo al momento della prima fermentazione), e  la cantina freschissima – anche 10 gradi in meno d’estate rispetto all’esterno – gli consente di non controllare le temperature di fermentazione.
 


La cantina tufacea

Da circa quattro ettari che coltiva, Raffaello produce 18.000 bottiglie con l’etichetta Podere Veneri Vecchio, tre rossi e un bianco. Ed è proprio di questo delizioso bianco di cui vi voglio parlare. Si chiama “Tempo dopo tempo”, viene da un'unica vigna dietro la casa, ovviamente mista, da uve 50 % Grieco, 50% Cerreto, probabilmente cloni locali di Trebbiano e Malvasia di Candia. Si tratta di una bianco molto particolare, vinificato come un rosso, ovvero lasciando il mosto a macerare per sette/otto giorni sulle bucce, secondo la tradizione del posto, e poi lasciato affinare lungamente sulle fecce fini (sur lies) con frequenti bâtonnage (per rimettere in sospensione le feccie) fino a poco prima dell’imbottigliamento.


Il vino Tempo Dopo Tempo

E' un vino festoso, dal colore giallo dorato e profumi tenui di ginestra e pesca bianca cui si alternano qualche nota minerale, ma soprattutto la lunga permanenza sui lieviti gli dona uno splendido profumo di crosta di pane. In bocca è un vero crescendo rossiniano: parte timidamente facendo pensare ad un vino senza grande struttura e poi, sorso dopo sorso, si svela dinamico e vivo, emergendo gradualmente sino a trionfare con una fragranza di lieviti sontuosa e persistente. Si ha voglia di berne e di riberne, e la mano corre spesso alla bottiglia, ma il grado alcolico moderato non lascia pesanti conseguenze. Un vero inno alla gioia per soli 7,5 €.

I vini somigliano sempre a chi li fa: la modestia e il dolce sorriso di Raffello quando vi accoglie in cantina, infatti, sono solo il preludio alla sua  profonda passione per la terra e per il vino.
 

Il Podere Veneri Vecchio aderisce all'associazione di produttori di vini naturali VinNatur.
www.venerivecchio.com
www.vinnatur.org
 
Tutti i vini vengono spediti su richiesta contattando il Podere Veneri Vecchio:
Italia/Estero: tel .081.5569968 - cell. 3405869048
Campania: tel. 0815198242 - cell. 3294145420
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Filippo Fiorito

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY