Banner
Banner
27
Nov

Alta qualità esaltando il territorio trapanese: la mission della cantina Di Legami

on 27 November 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda


(Gabriella e Giuseppe Di Legami)

di Manuela Zanni

Se esiste un territorio in cui il Grillo conosce una delle sue migliori espressioni, questo è, senza dubbio, l’areale trapanese. 

Non è un caso, quindi, che l’azienda Di Legami che sorge in contrada Berlinghieri e Zafarana, nel territorio di Castellammare del Golfo, abbia tra i suoi fiori all’occhiello proprio etichette che contengono le uve provenienti da questo vitigno, in purezza o in blend, rappresentativo non solo di quella zona ma anche di tutta la Sicilia. La famiglia Di Legami, da ben tre generazioni, è alla guida dell’ omonima azienda dedita alla coltivazione e alla valorizzazione dei vitigni autoctoni quali, oltre al Grillo, Inzolia, Nero D’Avola e Perricone, con una particolare attenzione anche agli alloctoni come Chardonnay e Syrah che, tuttavia, possono ormai essere considerati a tutti gli effetti “figli adottivi” perfettamente integrati nel territorio siciliano. A condurre l’azienda ereditata dai nonni, i fratelli Giuseppe e Gabriella Di Legami  insieme alla manodopera locale di fiducia e alla guida tecnica dell’enologo Sebastiano Polinas che “accompagna” i vini biologici nel proprio percorso di crescita, di valorizzazione e maturità, “nel pieno rispetto del territorio e dei vitigni coltivati in azienda”, tengono a dire i Di Legami,

L’azienda si estende per circa 100 ettari, di cui 45 vitati su lievi colline a 350 metri sul livello del mare che insistono su due contrade Berlinghieri e Zafarana all’interno delle quali le epoche d’impianto vanno dagli anni 2005 fino ad arrivare ai giorni nostri. In particolare dai vigneti di Berlinghieri nascono il Grillo, lo Chardonnay, il Perricone e un metodo classico da uve Grillo; da quelli di Zafaràna, invece, l’Inzolia, il rosato da Nero D’Avola ed il Syrah. La tenuta si sviluppa intorno ad una casa colonica preesistente e ristrutturata secondo i dettami delle tecnologie enologiche più moderne e  rappresenta, oggi, una realtà vitivinicola biologica certificata dal 2012, consapevole delle forti radici storiche legate al territorio, ma assolutamente in grado di stare al passo con i tempi grazie alla scelta sostenibile di operare in biologico che rappresenta un must della mission aziendale.

In seguito alla scelta del biologico le lavorazioni dei vigneti sono limitate, per favorire un buon apporto di sostanza organica al suolo, quest’ultima integrata con l’inerbimento di leguminose ed il sovescio effettuato in primavera. Anche i trattamenti sono limitati e, oltre all’utilizzo di zolfo, vengono sperimentati dei prodotti naturali biologici per il contenimento dei funghi patogeni. Per limitare lo sviluppo degli insetti nocivi, inoltre, si utilizza il metodo biotecnologico dei feromoni mentre la presenza di due laghi artificiali che raccolgono le acque piovane nei periodi invernali consente una riserva d’emergenza per le irrigazioni di soccorso. La potatura viene effettuata sempre dalle stesse esperte mani degli uomini aziendali, la vendemmia è rigorosamente manuale e, a questa, segue la refrigerazione delle uve in cella frigorifera, presente in cantina.  

“L’obiettivo di creare prodotti di alta qualità favorendo la biodiversità ed esaltando le caratteristiche del territorio trapanese è sempre stato nelle nostre corde - dice Giuseppe Di Legami - grazie ai preziosi consigli del nostro enologo Sebastiano Polinas siamo riusciti a realizzare una serie di accorgimenti che ci consentono di ottenere dei vini fortemente rappresentativi del nostro territorio e di conservarne integre le qualità organolettiche. Uno tra tutti è la vinificazione in riduzione che consente di proteggere i vini, soprattutto i bianchi, dall’ossigeno e, di conseguenza, limita l’uso dei solfiti che, nel nostro caso, è al di sotto della soglia consentita. Ne conseguono vini destinati ad una maggiore longevità, in grado di conservare a lungo il corredo aromatico”. Queste caratteristiche fanno dell’azienda Di Legami una realtà dalle grandi potenzialità che, grazie alla passione e alla competenza, ha fatto della qualità l’ambiziosa meta verso cui puntare. 

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY