Banner
Banner
21
Gen

Margherita Nistri, dalla cattedra alle vigne del Primitivo: "I miei sono vini di famiglia"

on 21 Gennaio 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda


(Margherita Nistri)

La carenza di lavoro al sud, spinge tanti giovani talenti a prendere decisioni drastiche. Andare a studiare in altre regioni o addirittura all'estero per avere maggiori prospettive di crescita personale e professionale. Ma la regola ha sempre delle eccezioni.


Partire, per ritornare con un ricco bagaglio di idee e “know how” è una scelta coraggiosa dettata dal legame con  il proprio territorio. Dopo essersi laureata in lettere a Roma, un master in economia, esperienze all'estero, aver insegnato per alcuni anni a Trento e lavorato con il “Movimento del Turismo del Vino” in Toscana, Margherita Nistri la professoressa con la passione per il vino torna in Puglia.  Da tre anni è alla guida della cantina che ha fondato con l'aiuto della sua famiglia, non a caso il motto è: vini di famiglia.

“Non ho saputo resistere al richiamo della mia terra - sostiene Margherita - ovunque fossi, una parte di me si chiedeva come procedono i lavori in vigna, come andrà l'annata? Sono tornata nel mio paese di origine, a Faggiano (Ta), per seguire le orme della nonna materna, prendere le redini della cantina e dedicarmi al miei grandi amori, i miei vigneti e il vino. L'esperienza all'estero ha rafforzato l'idea e la consapevolezza che il mio territorio ha delle potenzialità inespresse, non abbiamo nulla di meno anzi, tanto da offrire e da dire.  Il passaggio cruciale è stato durante la permanenza nell'area del Chianti. Lì, ho capito che potevo condurre l'azienda agricola dei miei e dare vita ad un progetto strutturato, non legato alle logiche commerciali. Per me il vino non è una merce. È il risultato di una perfetta armonia tra l'uomo e la natura,è  storia, tradizione in quanto tale va valorizzato”.


(Le vigne dell'azienda)

Prosegue Margherita: “Ho sempre spronato i miei alunni a capire cosa vogliono fare da grandi,  e a perseverare nel loro obiettivo. La passione è quel fuoco che ti arde dentro, che nel tempo e con la maturità riesci a tirare fuori. Non è da tutti, non la scopri subito, è come una fiammella se non la alimenti non diverrà un fuoco ardente. Ho avuto la fortuna di non soffocarla, ma di farla esplodere in un falò che ancora oggi mi accompagna. L'augurio che faccio a me stessa, ogni giorno è di mantenere sempre vivo il mio entusiasmo. Se fossi rimasta qui avrei dato tutto per scontato. Credo che le donne ricoprano un ruolo importante. Il legame tra donna e territorio è molto più intimo e stretto rispetto ad un uomo, la differenza la gioca la sensibilità. Il mondo del vino è complesso prosegue la professoressa Nistri - soprattutto per chi come me chiude la filiera. La mia è una piccola cantina in crescita, abbiamo una attenzione maniacale per il vigneto, al momento sono in corso attività di riconversione dei vigneti. Produciamo primitivo, negroamaro, malvasia di candia  e altre tipologie di uve da taglio che vogliamo sostituire con delle varietà autoctone”.

Al momento la gamma di vini Nistri è composta da: Margò rosato di negroamaro, Mezzetto negroamaro salento, Gesuiti primitivo di Manduria Dop. L'offerta si amplia con l'introduzione del primitivo dolce di Manduria IGP al quale non hanno ancora trovato un nome adatto.


(Il Mezzetto, uno dei vini dell'azienda NIstri)

“Arrivano richieste dall'estero, Polonia in particolare, non punto ai grandi numeri quindi mi rivolgo soprattutto al mercato nazionale. Il nostro è un settore con luci e ombre – conclude Margherita - mi confronto spesso con colleghi e addetti del settore. Mi preme sottolineare che è sbagliato farsi prendere dalle euforie di mercato occorre lavorare sul territorio e puntare sulla sostenibilità ambientale. Le speculazioni come la cementificazione selvaggia,  creano guadagno nel breve periodo ma sottraggono terreni fertili all'agricoltura. Tutto parte dalla terra, occorre preservare questa risorsa  sostanzialmente e visivamente, per favorire anche il turismo rurale, uno dei miei prossimi obiettivi”.
 

Annalucia Galeone

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY