Banner
Banner
24
Mar

on 24 Marzo 2011. Pubblicato in Numeri Marzo 2011 - Numero 210 del 24/03/2011

IL CONSORZIO

Avviato l’iter per modificare il disciplinare della Doc Moscato includendo altri vini del territorio. Il 30 marzo la decisione del ministero

Verso la Dop
Siracusa

Si riunirà il prossimo 30 marzo la Commissione del Mipaaf per decidere se si potrà cambiare l’attuale disciplinare della Doc Moscato di Siracusa. All’incontro sarà presente anche un esponente dell’Assessorato regionale all’Agricoltura, afferente al primo dipartimento, Antonella Di Gregorio. Già alcuni mesi fa, lo ricordiamo, il Consorzio di Tutela aveva avanzato la richiesta di modifica del disciplinare al fine di poter includere oltre al Moscato altri vini del territorio cambiando così la denominazione del disciplinare in Dop Siracusa. “Le tipologie di vino che vogliamo inserire – spiega lo stesso presidente del Consorzio, Giuseppe Taglia - sono Moscato di Siracusa Spumante, Siracusa Passito, Siracusa Nero D’Avola, Siracusa Syrah, Siracusa Moscato Secco, Siracusa Rosso e Siracusa Bianco, oltre naturalmente al Moscato di Siracusa. La Doc, che con le nuove disposizioni sarà Dop, non si chiamerà più pertanto Moscato di Siracusa ma solo Siracusa Dop, con i nuovi vini summenzionati”.
Dunque un marchio territoriale più incisivo che mira ad ampliare l’offerta per consentire ai sette produttori consorziati di affrontare meglio i mercati. Una scommessa che si vuole vincere anche se non è detto che sarà semplice farlo. Come dichiara infatti lo stesso presidente Taglia: “Vi sono alcune proposte di nuovi vini che potrebbero trovare qualche ostacolo ad essere accettate, in quanto non hanno tutti i requisiti stabiliti dal ministero, come per esempio i cinque anni di sperimentazione. Mi riferisco in modo particolare allo spumante, che per la prima volta è stato prodotto proprio l’annata appena trascorsa da una sola azienda”. Comunque la prova a modificare il disciplinare va fatta e se la Commissione accoglierà favorevolmente la proposta, il Consorzio è certo che ci potranno essere dei cambiamenti importanti per il territorio siracusano. “Il nome della denominazione – dichiara ancora Taglia – è sicuramente di grande impatto perché lega il prodotto al territorio e alla sua gloriosa storia. C’è la necessità di ampliare l’offerta dei vini perché solo il Moscato non permette di realizzare imprese economicamente valide. Infatti le imprese più competitive che stanno sul mercato hanno già diversificato la loro produzione con le tipologie richieste al Ministero. La modifica del disciplinare – conclude il presidente del Consorzio – risponde ad una reale esigenza di costruire imprese che legando il prodotto al territorio generano un bene per tutti”.

Gianna Bozzali

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY