Banner
Banner
Banner
17
Mar

on 17 Marzo 2011. Pubblicato in Numeri Marzo 2011 - Numero 209 del 17/03/2011

PHOTOGALLERY

All’incontro tra i buyers e le aziende siciliane anche il presidente della Regione Lombardo. Che parla anche della possibile nomina di Saverio Romano a ministro dell’Agricoltura

Immagini da Winett


Da sinistra Leonardo Agueci, Dario Cartabellotta, Raffaele Lombardo
con Rita e Daniela Russo

«Tutte le rotte di investimento della Regione Siciliana si stanno invertendo. Abbiamo scelto di non andare alla Bit quest'anno e, nonostante le polemiche, si è rivelata una scelta giusta. Per tutto possiamo fare da noi perchè siamo in grado di fare meglio per l'economia siciliana». Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, visitando a Palermo il 'Winett', luogo di incontro fra buyers internazionali e le aziende siciliane del vino. La manifestazione, organizzata dall'Istituto della Vite e del Vino, si svolge per la prima volta interamente in Sicilia. Tre giorni, durante i quali si incontrano 40 aziende vitivinicole siciliane con 30 buyers provenienti da Stati Uniti, Asia ed Europa. «La formula scelta per questa manifestazione - ha proseguito Lombardo - è sicuramente vincente. Per tre giorni i grandi acquirenti mondiali vengono a conoscere non solo il vino siciliano ma anche il territorio siciliano, toccando con mano le realtà dove il nostro vino nasce. Una formula importante che coniuga vino e territorio, senza fronzoli, ma con concrete opportunità di internazionalizzazione del nostro prodotto, creando vantaggio per le aziende, crescita economia e posti di lavoro». «Questa esperienza - ha concluso il presidente della Regione - dovrà valere come modello per il cavallo come per il pomodoro, per il marmo come per il turismo. La Sicilia ha tanto da offrire e non occorre partecipare a costose fiere a Verona, Milano o Berlino. È più economico ed efficace portare qui gli acquirenti collegando il prodotto al territorio». E sull’ipotesi che Saverio Romano, leader del Pid diventi ministro dell’Agricoltura Lombardo ha detto: “Sarebbe un valore aggiunto importante per la Sicilia. Dopo vent’anni il dicastero tornerebbe a un siciliano. Sarebbe un modo, è il mio augurio, per difendere ancora meglio le nostre risorse e le nostre opportunità”.


Da sinistra Dario Cartabellotta, Leonardo Agueci, Raffele Lombardo,
Marco Giol e Giancarlo Conte
















Foto di Giulio Mariottini

Tags:
Share

Commenti  

 
0 #1 Maria 2011-03-18 13:13 Finalmente in Sicilia abbiamo capito che non siamo noi a dover uscire dalla Sicilia, ma sono gli altri che devono venire a scoprirla. Belle le foto! Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Filippo Fiorito

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY