Banner
Banner
Banner
17
Mar

on 17 Marzo 2011. Pubblicato in Numeri Marzo 2011 - Numero 209 del 17/03/2011

LA MANIFESTAZIONE

A Palermo, su iniziativa dell’Irvv, 44 produttori siciliani hanno incontrato importatori di tutto il mondo. Agueci: “Parlare del proprio territorio vuol dire svelare la filosofia del vino che si presenta”

Caro buyer ti racconto…

“I produttori portavoce del territorio”, questo è il motto con cui Leonardo Agueci, presidente dell’Istituto Regionale della Vite e del Vino ha inaugurato la prima giornata del Winett Taste&Trade che ha preso il via al Grand Hotels des Palmes di Palermo. Lo sono stati davvero i 44 produttori aderenti, che dalle nove alle 18 hanno raccontato attraverso i vini i territori ai buyer selezionati dall’organizzazione con la consulenza della giornalista Michèle Shah. La formula dell’incontro a tempo con gli imporatori di tutto il mondo è sbarcata per la prima volta in Sicilia con un grande consenso da parte dei partecipanti. Per l’organizzazione e la dirigenza dell’Irvv una novità che può assicurare meglio i vini siciliani nei mercati esteri.


Un produttore illustra ad una buyer

“L’idea di fondo è di rappresentare la Sicilia con un complesso territoriale variegato. Ed oggi in un mercato globalizzato è la formula vincente. Per questo abbiamo raccomandato ai nostri produttori di raccontare il proprio territorio, perché significa raccontare la filosofia del vino che si presenta”, dichiara Agueci. L’importanza territoriale sembra essere l’unica strada giusta da far percorrere alla Sicilia del vino anche per il direttore dell’Istituto Dario Caltabellotta: “Il Winett non è uno spazio per le aziende ma per i territori. In termini di incontri BtoB la fomula del Winett è ad oggi la più nuova ed efficace rispetto alle migliori fiere mondiali”. Efficace anche dal punto di vista dello studio del mercato estero, specifica ancora il direttore. “Finite le tre giornate, avremo la possibilità di condurre monitoraggi sui contatti di oggi da 3 a 6 a 12 mesi dalla fine di queste. Il reporting consente di risparmiare tempi, risorse e costi da sobbarcarsi se si dovesse commissionare uno studio del genere in altro modo”.


Il kit del produttore

Winett allora come occasione per le cantine di fare un passo avanti nel marketing internazionale, così la vede Michèle Shah: “Grazie a questi incontri i produttori potranno capire l’entità del mercato internazionale. Che è fatto per i buyer e in cui si trovano a competere con migliaia di aziende. Attraverso il Winett potranno capire quali sono le aspettative dei buyer. Importantissimo. Ho spiegato proprio questo ai produttori nel briefing di preparazione al Winett: essere un po’ psicologi ai fini di capire le loro esigenze e richieste”. Entusiasta poi della collaborazione con l’istituto la Shah aggiunge: “Ho trovato una grande spinta, un team dinamico. Devo dire che l’istituto sta facendo un grande lavoro. Li conoscevo già da tempo, ho già collaborato con loro in passato, ma è la prima volta che mi presto in Sicilia e con il loro supporto è partito tutto bene”. Successo che ha fatto pensare all’organizzatore del Winett Marco Giol addirittura ad un piano triennale in Sicilia.


Una buyer mentre esamina un vino

“Abbiamo riposto fiducia nell’Istituto e abbiamo trovato il giusto approccio e l’adeguata struttura per organizzare tutto ciò che la formula del Winett pretende. La Sicilia ha prerogative dal punto di vista del territorio che hanno pochi. Il vino passa attraverso questi territori che diventano argomenti per i buyer, validi tanto quanto il prezzo e la qualità. C’è anche un valore umano splendido”.


Un momento del tasting

La vetrina del Winett vanterebbe un successo perché pensata appunto per offrire un servizio ai produttori. Spiega ancora Giol: “Le aziende che partecipano vogliamo che facciano squadra. Per i grandi non è un attività commerciale concorrente al marketing interno e per i piccoli è la possibilità di risparmiare e confrontarsi”.

Manuela Laiacona

Le foto sono di Manuela Laiacona

Tags:
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Filippo Fiorito

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY