Banner
Banner
09
Dic

on 09 Dicembre 2010. Pubblicato in Numeri Dicembre 2010 - Numero 195 del 09/12/2010

IL PROGETTO

Un piano per incrementare il livello tecnologico del settore enologico nellìIsola. Più spazio alla ricerca: studi per ritardare l’invecchiamento dei rossi e ridurre il grado alcolico

L’innovazione
nel vino siciliano

Ritardare l’invecchiamento dei vini rossi, ridurre la presenza di anidride solforosa, dar vita a nuovi lieviti per un’identificazione maggiore dei vini siciliani. Sono queste le tre linee guida contenute nel bando approvato dall’assessorato regionale alle Attività produttive. ‘Innovazione di processo e di prodotto nella filiera vitivinicola siciliana’ è infatti il titolo del progetto che coinvolgerà aziende vitivinicole del territorio, l’Università e l’Istituto regionale Vite e vino. “Un bando assolutamente innovativo – commenta il presidente dell’Irvv, Leonardo Agueci – che ci coinvolge in prima linea con l’obiettivo di migliorare il prodotto vitivinicolo siciliano in modo da renderlo più competitivo sul piano del mercato”.
Ricerca, sviluppo ed innovazione. Questi dunque gli ambiti interessati. “L’idea progettuale – prosegue Agueci – mira proprio all’incremento del livello tecnologico del settore enologico siciliano attraverso il trasferimento dei risultati di questa ricerca con la possibilità, inoltre, di introdurre all’interno della filiera importanti innovazioni di prodotto e di processo appunto”. Entrando nello specifico, gli studi saranno innanzitutto puntati alla riduzione del grado alcolico dei vini, “così come prevede l’Unione Europea”, spiega il presidente dell’Irvv. Si tratta di una nuova procedura di fermentazione mista messa a punto dall’Unità operativa di Biotecnologie applicate alla Viticoltura e l’Enologia. Il lievito comunemente utilizzato nelle produzioni vinicole, scientificamente il Saccharomyces cerevisiae, verrà preceduto dall’inserimento di un lievito selezionato e isolato in Sicilia, il Candida stellata. Una fermentazione naturale che ridurrà il grado alcolico dei vini ma non solo. Si otterranno vini con maggiore rotondità e morbidezza dati dalla più alta concentrazione di glicerolo. “Una ricerca questa – afferma Agueci – che consentirà una maggiore identificazione dei nostri vini”. Il progetto prevede poi studi mirati alla riduzione del contenuto di anidride solforosa nei vini puntando soprattutto alla ricerca di prodotti alternativi o di tecnologie in grado di far ottenere gli stessi risultati senza l’utilizzo dell’anidride. Mentre il raggiungimento di vini rossi più longevi è il terzo, ma non meno importante, obiettivo del progetto.

Sandra Pizzurro

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY