Banner
Banner
14
Ott

on 14 Ottobre 2010. Pubblicato in Numeri Ottobre 2010 - Numero 187 del 14/10/2010

TENDENZE

Un angolo dedicato esclusivamente ai vini biologici e/o naturali in una delle enoteche più famose a Palermo. Nel capoluogo siciliano è la prima volta. Uno spunto di riflessione

Segno dei tempi


Giuseppe Lisciandrello nella sua enoteca (foto di Igor Petyx)

Giuseppe Lisciandrello è il titolare di Vinoveritas, una delle principali enoteche di Palermo. Si trova nel cuore della città, in via Sammartino, in una sorta di quadrilatero che racchiude tanti punti di riferimento per i gourmet.
Da poco tempo ha dedicato uno degli scaffali della sua piccola ma fornita enoteca, ai soli vini naturali biodinamici, biologici, o se preferite, vini naturali. Lo stesso Lisciandrello da tempo segue con attenzione questa tipologia di mercato. Beve questi vini vini, se li studia, sembra attratto dalla loro diversità, li consiglia ad alcuni suoi clienti e alcuni suoi clienti glieli chiedono. E soprattutto ci crede e crede che la Sicilia in quest’ambito abbia molto da dire. Non è un caso che alcune delle etichette che campeggiano nello scaffale vengano prodotti nell’Isola. Ma davvero il futuro del vino è biodinamico (o biologico)? Davvero il mercato si spinge in modo significativo verso questa tipologia? Non so come la pensiate ma intanto un’enoteca ci sta scommettendo. E’ un segno dei tempi.

 

F. C.

Share

Commenti  

 
0 #1 Francesco Spadafora 2010-10-15 07:40 Buongiorno Direttore,come sai ,questo è un argomento che mi sta molto a cuore. Viviamo oramai in un mondo dove ,non solo l'abito fa il Monaco,ma riesce anche a trasformare la rana in rosa.
Se per alcune cose ,questo può avere un perchè,nel mondo che mi appartiene,non può e non deve succedere che una etichetta possa fare pensare che viviamo di etichettature. Da agricoltore evoluto,quale mi considero,vivo della stessa filosofia, ma ,se permetti ,stare su uno scaffale diverso dagli altri,non mi farebbe dormire sonni tranquilli. Mi domando perché non esistono scaffali per prodotti di cantine sociali,per prodotti di Aziende che comprono tutto o in gran parte uva o vino da altri .forse perché è meno interessante commercialmente ?
L'aspirazione di chi produce è potere bere il proprio prodotto ,proporlo agli altri ,avere dei risultati commerciali , non stare male o essere costretto a pensare che il marketing sia più importante
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Filippo Fiorito

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci
Veronica Laguardia

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY