Banner
Banner
31
Ago

on 31 Agosto 2010. Pubblicato in Numeri Settembre 2010 - Numero 181 del 02/09/2010

LO SCENARIO

Roma insiste sull'ambito aziendale, il paletto che metterebbe in difficoltà le cantine sociali. Un incontro a metà settembre per tentare una via d'uscita. Ma la strada è molto in salita. E l'assessore...

Tre ipotesi per la Doc Sicilia

Che fine ha fatto la Doc Sicilia? La pausa estiva non è servita a far fare passi avanti all’iter per la nascita della denominazione che ha praticamente occupato in questi mesi il dibattito sul futuro del vino siciliano. Siamo ad un punto fermo. Il comitato nazionale vini, ovvero il parlamentino che decide su nuove Doc e modifiche di quelle esistenti (nelle more che vengano adottate le nuove norme in materia) attende ancora una risposta dalla Sicilia. Il nodo è quello già raccontato alcune settimane fa da Cronache di Gusto: l’ambito aziendale. In pratica per tutti quei vini che sono frutto di un uvaggio (o blend) ogni produttore dovrà rispettare certe percentuali di produzione di determinati vitigni autoctoni altrimenti potrà far fregiare col marchio Doc Sicilia solo i vini monovitigno. Un paletto grande quanto il mondo perché l’ambito aziendale va applicato su ogni singolo produttore, o viticoltore, se si tratta di cantina sociale. Ed in questo modo verrebbe penalizzata soprattutto la produzione di vini bianchi delle cantine sociali. La Sicilia ha chiesto intanto di far applicare l’ambito aziendale alle cantine sociali e non ai singoli viticoltori ma con risultati nulli; e poi ha tentato di proporre quattro vitigni autoctoni per i bianchi ma Roma ha detto chiaramente che può accettarne solo un paio. E quali, visto che la Sicilia ha un patrimonio vitivinicolo vasto che comprende certamente più di due vitigni molto diffusi sul territorio? Tra l’altro se passasse l’ambito aziendale così come vuole la legge, una delle cantine sociali siciliane più famose sarebbe costretta a poter rivendicare la Doc solo su un quinto della produzione.
Il comitato nazionale vini presieduto da Giuseppe Martelli è stato chiaro prima delle ferie. “La legge va rispettata e l’ambito aziendale prevede al massimo due vitigni per i bianchi e due per i rossi”. A nulla sono valse le rimostranze informali di chi ha ricordato che per la Doc Alto Adige questa regola non è stata applicata perché, replicano i più informati, alcuni anni fa le norme erano diverse.
A metà settembre è previsto un tavolo tecnico tra le organizzazioni professionali e Assovini (che volgiono la Doc Sicilia) e l’assessorato regionale all’Agricoltura. In quella sede si dovrà assumere una decisione. C’è molta incertezza. Lo stesso assessore all’Agricoltura Titti Bufardeci ha chiesto tempo ma sa bene che la Doc Sicilia occupa uno dei primi punti della sua agenda al rientro delle ferie. A luglio l’unica dichiarazione che si è concesso Bufardeci: “Non mi piace che qualcuno imbottigli Nero d’Avola lontano dalla Sicilia, è ingiusto per il nostro territorio, è un impoverimento per la nostra regione”. Ma Bufardeci sa bene che questo problema è irrisolto oggi e lo sarebbe anche domani con l’eventuale varo della Doc Sicilia. Si profilano così tre scenari: 1) la Regione e le organizzazioni professionali accettano l’imposizione del parlamentino del vino e quindi l’ambito aziendale che penalizzerebbe proprio le cantine sociali le quali oggi vivono anche grazie all’Igt Sicilia, nome che sarebbe costretto a cambiare col varo della Doc Sicilia. 2) I promotori della Doc Sicilia lanciano una sfida politica chiedendo una modifica delle norme al ministro Galan e mobilitano i parlamentari nazionali per abbattere il paletto dell’ambito aziendale. 3) I promotori rinunciano alla Doc Sicilia e lasciano tutto così com’è. Con le Doc e le Igt già esistenti. Una Caporetto per chi in questi mesi ha sostenuto la Doc Sicilia. Cioé: molto rumore per nulla.

C. d. G.

Share

Commenti  

 
0 #1 NIK 2010-09-01 11:00 CREDO CHE IN QUESTO CI SIA MOLTO CONFUSIONE DA PARTE DI CHI LO HA SCRITTO.
E' OPPORTUNO CHE SI INFORMI PRIMA DI SCRIVERE
Citazione
 
 
0 #2 C.d.G. 2010-09-02 18:07 Ci dica quali sono le cose sbagliate del pezzo e noi le scriveremo. La critica generica non ci serve. Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Filippo Fiorito

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci
Veronica La Guardia

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY