Banner
Banner
22
Ago

on 22 Agosto 2010. Pubblicato in Numeri Agosto 2010 - Numero 180 del 26/08/2010

A TAVOLA

Nuove norme per l’acquisto e il consumo di prodotti ittici. Al di sotto di certe misure vietato vendere orate e co. 

Il pesce a metro

Mangiare una frittura di pesce o un sautè di vongole si può, ma con un metro in mano, perchè per salvaguardare le specie marine l'Unione europea e l'Italia impongono un limite minimo di taglia, al di sotto del quale il prodotto ittico, molluschi compresi, non può essere commercializzato. Disco verde quindi per orate lunghe almeno 20 centimetri, che diventano 11 per triglie e sardine, 18 per sgombri e tornano a 20 per le sogliole.
È la Federcoopesca-Confcooperative a tracciare la mappa dettagliata delle oltre trenta specie ittiche che assicurano una dieta “eco-compatibile” e ricca di omega 3, per aiutare i consumatori a districarsi tra taglie e lunghezze; i metodi di calcolo, infatti, variano se si ha a che fare con pesci, piuttosto che molluschi o crostacei. Ma non è solo una questione di taglia, perchè ci sono alcuni prodotti ittici, ricorda Federcoopesca, che non possono essere commercializzati in Italia per la salvaguardia della specie o perchè sono nocivi per l'uomo. È il caso, per esempio, dei datteri di mare, dello squalo bianco, di quello elefante o del pesce palla e istrice.
L'associazione degli operatori della pesca mette in guardia anche su specie di minor valore commerciale fatte passare per pregiate. Il riferimento è per la platessa spacciata per sogliola, del persico africano per “pesce persico” del novellame di sardine (bianchetto) per pesce ghiaccio Neosalanx tangkahkeii, del pesce topo per merluzzo e della vongola comune per vongola verace. Il consiglio dei pescatori è dunque quello di fare acquisti in negozi di fiducia o mangiare in ristoranti che puntino sulla qualità della materia prima.
Da ricordare, infine, che già dall'inizio dell'estate i menù a base di pesce dovrebbero essere cambiati a seguito dell'entrata in vigore, dal primo giungo di quest'anno, del regolamento del Mediterraneo. Niente più seppie, calamaretti e telline sulle tavole degli italiani, come anche addio a rossetti, bianchetti e latterini, frittura di paranza. La Commissione europea ha infatti deciso nuov regole per la pesca del Mediterraneo: reti a maglie più larghe e nuove, più lunghe, distanze dalla costa. Vincoli che già a partire da questi mesi porteranno alla scomparsa dalle nostre tavole di specie ittiche che avevano una solida tradizione gastronomica ma che erano ormai da tempo conto l'obiettivo della Ue di salvaguardare le specie a rischio di estinzione.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY