Banner
Banner
27
Mar

Mini-Vinitaly, la formula che sta piacendo ai produttori siciliani

on 27 Marzo 2012. Pubblicato in Vinitaly 2012

Vinitaly in versione ridotta e con un solo giorno dedicato al pubblico.

Da domenica a mercoledì, nessun fine settimana vicino e solo quattro nell’ultima settimana di marzo: cambiamenti di date, tempi e giorni che si vocifera siano stati dovuti alla crisi, non del settore, ma dell’economia in generale.

Intanto, qualsiasi sia stata la motivazione, è stata una scelta azzeccata, almeno secondo i produttori siciliani, che dopo un primo momento di titubanza, passati i primi giorni hanno accolto con il sorriso la novità.

“Meglio questa nuova edizione – dice Margherita Blanco, moglie di Massimo Padova di Riofavara – gli altri anni ci sono stati giorni che siamo stati letteralmente invasi dal pubblico, e rischiavamo di trascurare gli operatori. Inoltre meglio la partenza di domenica, nei giorni lavorativi, già abbiamo avuto tanti incontri importanti”.

Della stessa idea è Marci Calcaterra dell’azienda Avide: “In questo modo siamo meno stressati, abbiamo più tempo per i buyer e per gli operatori”.  Brutta esperienza, invece, domenica per Morgante “Sta andando, anche bene rispetto agli altri anni – dice Carmelo Morgante, che poi racconta – anche se domenica durante l’allestimento abbiamo avuto una spiacevole sorpresa, infatti, ci hanno rubato due scatole di vino – e poi sottolinea-  ci vorrebbe più selezione e controllo sul pubblico”.

E’ stata una formula azzeccata  per Alfredo Quignones dell’omonima azienda : “C’è un’atmosfera diversa e sono più soddisfatto. Lunedì tanti operatori e speriamo che continui così”.

Mentre propone di chiudere le porte al pubblico e riservare la fiera solo agli operatori del settore Nancy Astone di Cambria: “Siamo meno stanchi, ma domenica è stato terribile. Si deve puntare di più sulla qualità che sulla quantità, quindi se fosse un evento esclusivo per gli operatori sarebbe meglio – poi aggiunge- per presentare i propri vini al pubblico l’azienda organizza eventi autonomamente”.

Flora Gaio di Gaio ribadisce: “Ci vuole più selezione. Abbiamo ricevuto tanti operatori e siamo riusciti a riservare l’attenzione dovuta alla gente che meritava”.

Invece, per Alessandro Parisi di Orestiadi Vini bisogna puntare sulla cultura del bere: “la fiera deve rimanere aperta al pubblico, solo loro che ci scelgono, ma bisogna cominciare a diffondere anche una cultura del bere e del vino. Si parla tanto di territorio e poco di cultura”.

E dulcis in fundo. Bruno Alvisini, delle cantine Fazio conclude: “C’è stato un importante afflusso di operatori, anche dal mercato estero, attenti e qualificati e questo è il segnale del successo della manifestazione. – continua – non  sono d’accordo nel chiudere l’accesso ma si dovrebbe lavorare di più sui controlli, monitorare il flusso e selezionare”.

Aurora Pullara

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it