Banner
Banner
25
Mar

Adesso gli imprenditori del vino puntino tutto su audacia e capacità

on 25 Marzo 2012. Pubblicato in Vinitaly 2012

Nel 2011 l’export vola oltre i 4 miliardi e il comparto ha saputo innovarsi senza soste

di Andrea Gabbrielli

Negli ultimi quaranta/cinquant’anni la scarsa considerazione dell’agricoltura e della viticoltura da parte dei nostri governanti, è andato via via crescendo.

L’Italia è un paese industriale e di servizi – dicono lorsignori- il resto è un contorno di poco o nullo interesse. E non è sufficiente che per un tempo limitato ci sia un “tecnico” capace e stimato a capo del dicastero dell’agricoltura. Purtroppo l’agricoltura è in buona compagnia: infatti non si può certo sostenere che turismo e cultura abbiano goduto di un destino diverso. Ma in qualche modo tutto torna. Infatti al di là del mero dato produttivo e occupazionale che in ogni caso ha una sua importanza specifica, la sottovalutazione del ruolo in termini di conservazione dell’ambiente e del paesaggio, di presidio del territorio, di mantenimento dei saperi e dei sapori tradizionali, del legame antico quanto profondo tra culture e colture, è diventata la norma. Non tenere in cale queste peculiarità del settore se da una parte dimostra la limitatezza degli orizzonti dall’altra spiega molto dell’atteggiamento nei confronti della cultura e del turismo.

Eppure nonostante una burocrazia asfissiante, gli endemici ritardi di buona parte della pubblica amministrazione, un’ormai storica sottovalutazione del comparto, la scarsa percezione della viticoltura come attività economica unitaria e l’assenza di una politica agraria nazionale, i nostri imprenditori del settore vinicolo negli ultimi venti/trent’anni hanno dimostrato una straordinaria bravura a dispetto delle crisi e delle avversità. Basti pensare al nostro export vinicolo nel 2011 che ha ampiamente superato i 4 miliardi di euro, un traguardo che solo dieci anni fa non era nemmeno lontanamente immaginabile. Grandi e piccoli vignaioli, insieme o singolarmente, stanno portando in giro per il mondo l’immagine di un Italia che sa competere anche nei mercati più difficili.

Certo ci sono ritardi e contraddizioni e il valore del nostro vino è ancora molto contenuto (1,95/litro a novembre 2011 -Fonte Assoenologi). Ma quel che conta è che i nostri imprenditori in questi anni sono stati in grado di portare innovazioni di processo e di prodotto che hanno fatto del vino italiano uno dei migliori ambasciatori dell’Italia e della sua cultura nel mondo. Se per le attività economiche vale la regola che improvvisare è un po’ morire lo stesso si potrebbe dire per la politica. La nostra terra e i nostri imprenditori meritano maggiore considerazione e rispetto.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it