Banner
Banner
29
Ott

on 29 Ottobre 2010. Pubblicato in Numero 189 del 28/10/2010

L'INTERVENTO

Grazie al vigneto si conserva anche il paesaggio. Dedico il riconoscimento che ho avuto a tutti coloro che difendono i campi e i loro prodotti. Il nostro interlocutore è il ministero del Turismo

"Il mio premio ai viticoltori"

di Walter Massa*

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.
Il Gambero Rosso mi ha assegnato un premio speciale, “Viticoltore dell'anno”; naturalmente oltre all’emozione, alla gioia, allo stupore (sapendo la“grandeur” di chi prima di me ha ricevuto questo premio), alla forza di perseverare, di stare con i piedi e la testa dove sei sempre stato, rifletti a chi dedicarlo. Con la testa voli: la famiglia, i collaboratori, i bevitori, chi non c’è più.
Il premio lo voglio e lo debbo dedicare ai viticoltori che da anni conferiscono o vendono le uve e sono regolarmente sottopagati. Solo ai sottopagati, perché in realtà ce ne sono pure molti altri che conferiscono ad aziende  ottenendo la giusta remunerazione, cantine che sono un punto di riferimento.

Sì, solo ai sottopagati, che sono la maggioranza, dedico questo premio, a loro che, gratificati esclusivamente dalla qualità del loro lavoro, insistono a coltivare ettari di paesaggio che fanno  bella l’Italia tutta intera, rendendo più umane le vigne di noi primedonne dell’enologia d’Italia. Se in Italia esistessero solo gli ettari di vigneto che hanno dignità economica,l’Unesco sarebbe entrato in campo a braccetto del Wwf, della Fao e del Pentagono...per proteggere codesti modelli di storia, cultura, economia ed ambiente antropicizzato.

La presenza, l’esistenza e  la resistenza di questi altri vigneti, quelli che ora non rendono di che vivere, sono un grande segno di ottimismo, un guardare avanti e “mantenere valori” in attesa che qualcuno, possibilmente della famiglia, si occupi della coltura e  raccolga tutta la cultura che esprimono riuscendo a ottenere la giusta dignità economica.

(...) Ancora una volta la lettura del mondo rurale ci può aiutare a capire: con le forze paraistituzionali dei consorzi di tutela, delle cantine cooperative, di associazioni, senza dimenticare il ruolo a me non chiaro delle tre organizzazioni agricole di categoria, si sono create centrali di potere politico ed economico, subdolamente sociale, si è dato forza a loschi personaggi che hanno contribuito a costruire il nulla, o al limite ad aprire qualche fascicolo presso diversi tribunali della Repubblica. Lorsignori godono credibilità, ma nella vita hanno creato esclusivamente il vuoto sociale, economico e artigianale. Mi riferisco a tutti quei bell’imbusti che non conoscono l’etica ma sono specializzati nell’estetica.

Cari colleghi viticoltori sottopagati dell’Italia, con questo riconoscimento “sogno” di avere la forza di esser  portavoce presso il ministero del Turismo, “sogno” di far riconoscere “coltivatori di paesaggio” quelle aziende viticole di tutta Italia di cui il mercato non remunera le uve con un prezzo almeno pari ai  costi di produzione, “sogno” di farvi emettere e pagare le vostre fatture al ministero del Turismo come coltivatori della vostra quota parte di ettari di paesaggio a 6.000 euro ettaro, ovvero il costo medio di coltivazione. Il concetto è semplice, la nostra Italia perdendo ettari di vigneto perde fortissimamente interesse turistico; l’uva sottopagata (2.500 euro ettaro?) lasciatela ai competenti ministri delle politiche agricole e del lavoro. “Sogno” che, così facendo, riuscirete a lasciare ai vostri figli almeno ciò che i vostri padri vi han lasciato.

Così come è impostato il mondo rurale, e non mi riferisco solo al comparto vitivinicolo, ma a tutte le produzioni del mondo agricolo,per noi, artigiani agricoli, tra cinque anni se ci arriveremo, avremo il cervello "bollito" come quello dei reduci di guerra.

Voglio ringraziare, oltre al Gambero rosso, tutta,ripeto tutta, la stampa italiana, le organizzazioni del vino, gli enotecari, la ristorazione, i posti conviviali del cibo e del vino, il popolo di internet e tutti i bevitori che brindano alla vita.

 Viva la vita, viva la vite.

*produttore a Monleale (Alessandria-Piemonte)

Share

Commenti  

 
0 #1 ambra tiraboschi 2010-11-01 19:53 grazie a Walter
a cui mi legano stima, amicizia, la nostra distribuzione, la nostra FIVI
il sogno di Walter Massa è un sogno che condividiamo
coraggio dunque
viva la vita, viva la vite
Ambra Tiraboschi
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY